NOAM CHOMSKY;una riforma dimezzata.Furio Colombo ridicolo!

Stamattina ho letto un articolo di Furio Colombo su IL FATTO QUOTIDIANO e come sempre lo trovo ridicolo perchè chi considera gli Usa una democrazia, è patetico e dovrebbe cambiare mestiere.Colombo lo conosciamo, filo americano e filo israeliano che ama ricordare che in Israele si è dimesso il primo ministro Olmert ma che sui crimini degli israeliani  nei confronti dei palestinesi,non parla mai.Mi piacerebbe che un giorno Furio Colombo si confrontasse con Noam Chomsky , farebbe la fine che facevano i pugili che affrontavano il miglior Mike Tyson…
Comunque dell’articolo di Furio Colombo parlerò sabato o domenica,gli farò notare alcune cose…

 

La riforma del sistema sanitario che voleva fare Obama  è stata dimezzata.Se leggete La Repubblica,l’Unità e Il Fatto Quotidiano vi diranno che è straordinaria e sopratutto pubblica, in realtà di pubblico non c’è nulla.Le lobby glielo hanno detto chiaramente: non ti azzardare a fare  certe stronzate perchè ti spezziamo le gambe… Purtroppo il 90% è ancora convinto che il vero potere sono i capi di governo…

da IL MANIFESTO 18/11/10-Noam Chomsky

UNA RIFORMA DIMEZZATA

Naturalmente nessuna vittoria basta di per sè.Perciò, mentre la lotta per la riforma del sistema sanitario paralizzò virtualmente il Congresso alla fine del 2009,le lobby affaristiche iniziarono una grande campagna per ottenere ancora di piu,e ci riuscirono.L’opzione pubblica fu alla fine “fatta naufragare” insieme con un connesso “medicare buy-in” che avrebbe permesso alle persone di 55 o piu anni di avere il servizio sanitario nazionale.A quel punto la gente era a favore dell’opzione pubblica dal 56,38% e il Medicare buy-in in percentuale anche maggiore,tra il 64,30%.Il sondaggio che mostrava questi risultati fu reso pubblico,ma i fatti furono omessi:il titolo diceva “Sondaggi:la maggioranza non approva le leggi per il servizio sanitario”.L’articolo lascia l’impressione che la popolazione si unisca all’attacco della destra contro il coinvolgimento del governo nell’assistenza sanitaria,assalto condotto dagli interessi affaristici,contrari a quello che proprio il sondaggio rivela e che altri sondaggi mostrano da decenni.
E che hanno continuato a mostrare nel 2010.Un sondaggio della Cbs reso pubblico l’11 gennaio ha rilevato che il 60% degli americani non approvava il modo in cui il Congresso stava affrontando il problema del sistema sanitario.Le cifre dettagliate mostrano che,tra quelli che sono contro il modo in cui la proposta regola il rapporto con le compagnie di assicurazione,la grande maggioranza pensa che non si spinga abbastanza avanti (il 43% di non abbastanza ,contro il 27% di troppo).L’assistenza sanitaria è stata una questione cruciale nelle elezioni al senato nel Massachusetts nel gennaio 2010,in cui ha vinto il repubblicano Scott Brown.Tra i Democratici che si sono astenuti o hanno votato per Brown ,il 60% pensava che il programma sanitario non si spingeva abbastanza avanti (l’85% di quelli che si astennero).Tra gli astenuti e i democratici che hanno votato per Brown,circa l’85% era a favore dell’opzione pubblica.
In breve,l’evidenza mostra che in realtà cresceva la rabbia popolare contro il progetto di legge sulla sanità di Obama,prima di tutto perchè era troppo limitato.
Mentre il settore finanziario aveva tutte le ragioni per sentirsi soddisfatto dei risultati ottenuti dopo gli sforzi per far eleggere il suo uomo,Obama, la storia d’amore ha cominciato a volgere alla fine nel gennaio 2010,quando Obama ha deciso di reagire al montare della rabbia popolare contro gli “stipendi d’oro” per i finanzieri,mentre altri erano impantanati in una triste strada tutta in salita per i lavoratori.Ha dunque adottato una retorica populista,criticando le enormi gratifiche per chi era stato salvato dall’intervento pubblico,e proponendo anche delle misure per limitare gli eccessi delle grandi banche (inclusa la regola Volcker,che avrebbe in parte ristabilito la legge Glass-Steagall,impedendo alle banche commerciali con garanzia governativa di usare i depositi per investimenti a rischio).La punizione per la sua deviazione è stata rapida.
 

NOAM CHOMSKY;una riforma dimezzata.Furio Colombo ridicolo!ultima modifica: 2010-11-25T20:13:59+00:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo