Il governo democristiano che piace all’Europa (2 parte)

Di quello che ha fatto Luigi Preiti ,non voglio parlare, i blog sono tutti controllati e basta un niente per essere segnalato.Pochi minuti fa Enrico Letta ha detto che il suo sarà un governo europeista e girerà per l’Europa per garantire  che l’Italia farà la propria parte.Basta guardare chi sono i ministri e capisci subito chi comanda l’Italia, tutti leccaculi … Continua a leggere

Il governo democristiano che piace all’Europa (1 parte)

Di quello che ha fatto Luigi Preiti ,non voglio parlare, i blog sono tutti controllati e basta un niente per essere segnalato.Pochi minuti fa Enrico Letta ha detto che il suo sarà un governo europeista e girerà per l’Europa per garantire  che l’Italia farà la propria parte.Basta guardare chi sono i ministri e capisci subito chi comanda l’Italia, tutti leccaculi … Continua a leggere

Senza leader.Il blog di Grillo… balle!

Ho acquistato questo libro perchè ero curioso di leggere quello che pensa l’oggetto misterioso che poi è il vero leader del Movimento 5 stelle cioè Gianroberto Casaleggio visto che parla pochissimo. Che il blog di Grillo non abbia un leader è totalmente falso, chi comanda è solo Casaleggio e dedice lui quello che deve essere pubblicato.In questi giorni è venuta … Continua a leggere

1983-84.I networks e il gruppo Berlusconi

Sulle questione dei conflitti d’interesse di Silvio Berlusconi si sono scritti un numero impressionante di libri (Marco Travaglio è diventato famoso per questo),il libro LA TELEDITTATURA spiega bene le televisioni del “Nano di Arcore”, dei ritorni delle vacanze di Bettino Craxi per fare le leggi su misura per salvare Retequattro e tante altre cose.In effetti nei paesi sviluppati nessun presidente … Continua a leggere

Enrico Letta, l’uomo che piace all’oligarchia finanziaria

Ma guarda un po, Enrico Letta ha ricevuto l’incarico di guidare il governo italiano,un ex Bilderberg, uno che trova sempre spazio in quelle trasmissioni condotte da giornalisti che vi hanno preso parte come Lilly Gruber.Prima di lui ,Mario Monti diceva di questo club che raduna uomini potentissimi e giornalisti servi: “Il gruppo Bilderberg? Ma magari qualche politico italiano ci andasse! … Continua a leggere

I danni dei banchieri e dell’euro.Andrea Scanzi le sa queste cose?

  Perchè Andrea Scanzi? Semplice: lo si trova in tutte le trasmissioni televisive come se fosse un premio Nobel, un giornalista alla Noam Chomsky invece è invitato perchè segue da anni con grande attenzione il Movimento 5 stelle di Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo.Bisogna distrarre gli italiani, non bisogna ricordargli che i veri squali sono i banchieri e gli speculatori … Continua a leggere

“Wanna” Bagnai scherza, Bernd Lucke e il partito “BASTA EURO”,no!

Molti moralisti ipocriti appena avranno letto le ultime righe si saran detti:”ma questo è un partito di nazisti ,che piace all’estrema destra.”Anglotedesco preferisce scappare in Svizzera piuttosto che votare estrema destra, ma se dicono giuste non ho problema ad ammetterlo e sui temi economici spesso mi trovo d’accordo.In Germania gli antieuropeisti non scherzano, si sono messi insieme e fanno sul … Continua a leggere

RENATO BRUNETTA:”Vendita del patrimonio pubblico immobiliare”

  Ma si dai, vendiamo tutto e risolveremo  i problemi, si diceva la stessa cosa nel 1992 e cosa ha portato? Vendita dei gioielli di stato,la maggior parte delle aziende  chesono state vendute erano in attivo.Hanno portato tutto al’estero, l’Eni dal 1992 al 1996 ha tagliato del 33% i posti di lavoro delocalizzando tutto, hanno messo sul mercato i nostri … Continua a leggere

Interviste del 1976 di Roberto Gervaso/PADRE ELIGIO

Foto prese  da www.magliarossonera.it “Un altro che mi stava sul cazzo era frate Eligio. Veniva spesso a Milanello, si fermava a mangiare con noi, gironzolava in tonaca e scarpe da tennis, parlottava con il suo adorato Rivera, o con Rocco. Non si sa cosa veniva lì a fare: con tutte le anime che c’erano da salvare in giro, lui stava … Continua a leggere

Le retribuzioni nel 1978

Inutile scrivere le differenza tra il 1978 e oggi.Adesso le piccole-medie imprese ma anche le grandi industrie ,se vanno dal nostro paese per aprire in posti dove il lavoro costa meno e le persone si possono sfruttare per quattro soldi.In Italia arrivano grandi multinazionali che trattano le persone come bestie e sei obbligato ad accontentarti. L’italiano però non ci sta … Continua a leggere