La Vostra (schifosa) Italia/Il crack Parmalat -1

Questa settimana mi occuperò di un altro scandalo italiano:il crack Parmalat. Certo che Parma zitta zitta sta collezionando figure di merda incredibili: crack Parmalat , mafia (legami con il clan dei casalesi) e razzismo (Emanuel). Gli abitanti della “piccola Parigi” se la devono tirare molto meno. Lo dice uno  che la frequenta tutti i giorni. Non mi risparmio.

da MANI SPORCHE – Barbacetto Gomez Travaglio (Chiarelettere)

PARMALAT,IL LATTE VERSATO

Nel febbraio del 2003 una notizia dall’Italia manda in fibrillazione la comunità finanziaria internazionale.La Parmalat del cavalier Calisto Tanzi,un colosso che fattura più di 7 miliardi di euro vendendo latte e prodotti alimntari in oltre cento Paesi del mondo,chiede al mercato un nuovo prestito per circa 300 milioni.
Le aziende di Tanzi dichiarano di avere in cassa 3,3  milioni di euro di liquidità:perchè allora chiedono altri soldi? Il dubbio che prende a circolare è che i bilanci Parmalat siano falsi. I mercati reagiscono male.Il titolo perde il 9% secco.
Parmalat emette due nuovi bond da 300 e 350 milioni,sottoscritti da investitori instituzionali come Nextra e Deutsche Bank. Le perplessità del mercato aumentano. Molti cominciano a domandarsi che cosa accadrà,in dicembre,quando il gruppo dovrà rimborsare altre obbligazioni per 150 milioni.la liquidità vantata da Collecchio è investita in parte su un fondo della cayman chiamato Epicurum, e in parte (3,95 milioni di euro) su un conto corrente della bank of america acceso da una controllata offshore,la Bonlat.I soldi veri stanno lì.

Quella che Parmalat sta patendo da mesi non è una semplice crisi finanziaria:è una truffa.Forse la più grande truffa degli ultimi cent’anni,visto che coinvolge oltre 130.000 risparmiatori.Un sistema corrotto fino al midollo ha permesso a Tanzi e ai suoi uomini di falsificare documenti ;bilanci ; estratti conto senza mai alcun allarme. Revisori dei conti, società di rating; banche ;Consob ;Bankitalia ;magistriti; politici:nessuno è intervenuto in tempo.
Tra il 1991 e il 2003 ,vengono emesse obbligazioni per quasi 12 miliardi di euro.Quale sia la situazione reale,lo sanno un pò tutti.I tecnici di molte banche sgnalano i rischi ene parlano con i superiori.Ma tutto è inutile.Cariparma (intesa) e Banca del monte (Montepaschi) -capitanate da due mici di Tanzi, Luciano Silingardi e Franco Gorreri-arrivano a concedere all’azienda affidamenti per il pagamento delle imposte e della previdenza sociale per i dipendenti.non ci vuol molto a intuire che cosa sta accadendo.

La Vostra (schifosa) Italia/Il crack Parmalat -1ultima modifica: 2008-10-27T19:43:00+01:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo