La scusa della contestazione

Difficile trovare in Europa un ministro dell’Istruzione peggiore di Mariastella Gelmini.La scusa della contestazione da parte dei  fascisti (ricordiamoci sempre che lei insieme ad Alessandra Mussolini ha mandato una lettera di solidarietà a Cuore Nero) è ridicola e serve nascondersi.Gli insegnanti si rendono contro e hanno alzato la voce. Ma non solo i professori ma anche l’Ocse parla male della scuola italiana e prendo un pezzo di un articolo  apparso su LA STAMPA di mercoledi 18 giugno:

Che qualcosa non funzioni nella scuola lo sostiene anche l’Ocse -l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico-che ha presentato una nuova indagine internazionale sul comparto della scuola,la Teaching and Learning International Survey (Talis) ,sulla base di una serie di quesiti sottoposti a 70.000 tra docenti e presidi di scuole di 23 paesi.

E’ severo il giudizio dell’Ocse.Sostiene che complessivamente la scuola dell’obbligo in Italia, “produce pochi risultati a livello di scuole secondarie nonostante la spesa resti alta”.Al contrario,sempre a livello internazionale,”la scuola primaria registra una performance superiore” agli altri paesi.Ci sono scostamenti tra le regioni,” differenze di performance cosi grandi tra gli alunni delle diverse regioni non appaiono nei sistemi educativi nazionali degli altri paesi.Giudizi negativi su classi (poche e numerose),ore di insegnamento (eccessive) e docenti (troppo anziani e non pagati in base al merito).Per l’Ocse un taglio all’alto numero di insegnanti in servizio negli oltre 10.000 istituti sparsi in Italia inciderebbe molto sui costi della scuola italiana:il rapporto insegnante-studente nell’area Ocse è di 6,5 docenti ogni 100 allievi,mentre nella Penisola raggiunge quota 9,6.Gli insegnanti sono anche troppo vecchi,se è vero che il 52% di loro è ultra 50enne e solo un 3% ha meno di 30 anni,laddove nella media internazionale questa quota è cinque volte tanto.

La scusa della contestazioneultima modifica: 2009-06-20T22:45:36+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo