Se ieri ci fosse stato Paolo Barnard ad Annozero!

 

 

Ieri sera Annozero è comiciato con lo scontro Antonio Di Pietro e Niccolò Ghedini per via,ovviamente, del Lodo Alfano bocciato dalla Corte Costituzionale.Sapete il Lodo Alfano è la cosa più importante per l’uminità intera.

Finito il Lodo Alfano ,si passa ad altro argomento “nuovo”. Le stragi di  Borsellino e Falcone con ospite  Massimo Ciancimo figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo.Con questo non voglio dire che la cosa non sia interessante, anzi,appena posso ,dal vivo,vado ascoltare dibattiti sulla mafia ma in questo momento sinceramente ci sono problemi ben più seri. Tra l’altro Ciancimino junior ha gia rilasciato almeno un milione di interviste e una puntata del genere la fece anche David Parenzo  il 20 luglio. Ma perchè avranno parlato di questo argomento?  Semplice, c’è dentro anche Silvio Berlusconi.Annozero senza metterci dentro il piduista, non servirebbe a nulla.

Molto probabilmente qualcuno degli ultimi tempi starà pensando che ho cambiato pelle improvvisamente.Ebbene lo ammetto,mi ritengo una persona duttile e non come il 90% degli  italiani che sono schiavi dei loro idoli.Mi sento come un allenatore di calcio che non è fissato con un modulo e basta ,ma che cambia. Seguo sempre comunque certi giornalisti ma se trovo uno che mi convince di più  essendo preparato e che ti fa capire quali sono i veri problemi, ci metto un attimo a cambiar parere e non me ne vergogno. Invece per la maggior parte non è cosi.Oltre ai soliti noti considerati “giornalisti liberi” non ci vanno e che se ti azzardi a fare un video dove dimostrano di avere dei limiti, ti becchi ,insulti ,critiche e che tu lo fai solo per screditarlo, questo è il vero problema di questo Paese di scemi,non voler mai imparare qualcosa di nuovo. Addirittura qualcuno dopo aver letto l’intervista a Paolo Barnard su Il Giornale ha pensato che lo ha fatto per fare un favore a Berlusconi.Come se Di Pietro non le avesse mai rilasciate ai giornali di Centrodestra. Mamma mia che squallore!

Ad esempio  è stato approvato il Trattato di Lisbona che come spiega Paolo Barnard nel suo blog e nel suo ultimo articolo  che c’è sotto, è una vera dittatura, dove ci saranno persone che comanderanno tutti noi ,nascondendoci le cose.Questi sono problemi. Avete trovate una trasmissione che se dedicato a questo problema? Nessuno. E secondo voi perchè? Perchè è un problemino da niente? No, perchè se si da la colpa al Trattato di Lisbona, dopo la politica italiana passarebbe in secondo piano e questa specie di giornalisti che vivono di queste cose,sarebbero costretti  a dare forfait oltre che a vergognarsi. Se i giornali italiani fossero competenti ,e non lo sono, dedicherebbero più problemi al Trattato di Lisbona, a Joseph Cassano o alle banche americane che hanno mandato in mezzo alla strada milioni di persone in tutto il mondo, e poi anche a certe cose,agli scandali della storia italiana.Invece no,essendo tutti servi dei partiti, bisogna parlare delle puttanate  degli altri.

Volevo vedere se ieri sera c’era Paolo  Barnard e avesse detto  ad Antonio Di Pietro le stesse cose che ha scritto oggi sul suo sito. Tonino avrebbe fatto oltre che alla solita sceneggiata,anche una figura di merda.Il pubblico avrebbe sicuramente insultato Barnard e Santoro non lo avrebbe più invitato.

PER UNA VERA INFORMAZIONE ,PER CAPIRE COME STANNO LE COSE ,LEGGETE PAOLO BARNARD. 

CLICCA QUI per vedere e scaricare l’intervento di Marco Travaglio

da www.paolobarnard.info

DI PIETRO DIFENDE LA COSTITUZIONE,E FIRMA PER ABOLIRLA

Non è uno scherzo, al contrario, è la misura della colossale farsa cui voi, sì proprio voi, continuate a sottoporvi. Di Pietro, e il suo codazzo dei soliti noti, si riempie la bocca ogni santo giorno di proclami disperati in difesa della Costituzione italiana, della quale lui e i suoi senatori e deputati hanno firmato l’abolizione il 23 e il 31 luglio del 2008. Avete capito bene: Di Pietro ha firmato l’abolizione della Costituzione italiana. In quelle date un’Italia politica di ignoranti e/o in malafede, IDV compresa, ha ratificato il Trattato di Lisbona (depositato poi l’8 agosto), che di fatto cancella per sempre la nostra Costituzione del 1948. E hanno pure applaudito gli IDV, in una standing ovation a braccetto con gli odiati berluscones. Da Repubblica del 31 luglio 2008: “Un lungo applauso bipartisan ha accompagnato il sì della Camera che, come il Senato, ha approvato all’unanimità il Trattato.

 Trattato di Lisbona ha creato un nuovo super Stato d’Europa di cui siamo tutti cittadini, che ha un governo (non eletto) più potente di qualsiasi governo europeo e le cui regole sono più potenti di qualsiasi legge europea, e il tutto di nascosto dagli elettori, in un vero e proprio colpo di Stato continentale. Il Trattato, infine, è a tutti gli effetti una Costituzione d’Europa più potente di qualsiasi Costituzione nazionale. Anche della nostra, ovviamente. Ripeto: la Costituzione italiana è stata di fatto abolita dal Trattato di Lisbona, poiché quest’ultimo comanda a noi italiani, e a tutti gli europei, una maggiore obbedienza. In caso di conflitto fra le regole della prima e quelle del secondo, vince sempre il secondo. Ma anche le regole costituzionali del Trattato di Lisbona sono state scritte in segreto da burocrati che nessuno di noi ha mai eletto né mai eleggerà. Capito bene? Ok, ora: Antonio di Pietro ha firmato entusiasticamente questo colpo di Stato che ammanetta tutta la nostra Costituzione, non solo alcuni articoli. I Padri Costituenti italiani si sono rivoltati nella tomba. Altro che Lodo Alfano.

I casi sono due: o Tonino è ignorante come una scarpa e firma fogli di carta esattamente come i contadini medievali firmavano ignari le loro condanne a una vita di stenti, oppure è in malafede. In entrambi i casi, che quell’uomo sia il vostro faro, ovvero “l’unica opposizione in Italia” (Travaglio) è disperante. Ma mai quanto il fatto che voi ci state cascando, altrettanto entusiasticamente.

Se ieri ci fosse stato Paolo Barnard ad Annozero!ultima modifica: 2009-10-09T14:08:00+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo