Il lavoro (sospetto) di Annozero

La settimana scorsa Annozero si è occupato dei fatti di Rosarno e la sua troupe è andata sul posto ad intervistare gli africani.
Stiamo parlando di una trasmissione di Michele Santoro noto giornalista di sinistra e dunque è obbligatorio sentire solo ed esclusivamente coloro che odiano l’Italia.
Ad un certo punto si sentono africani che parlano con la loro lingua e c’è uno che traduce quello che dicono. Raidue,Retequattro-Santoro o Emilio Fede l’unica cosa che cambia è lo schieramento politico perchè fin un bambino sa che le tv sono in mano ai partiti e se non ti schieri non puoi lavorarci (la famosa frase di Travaglio del 2006:chi non ha il guinzaglio in tv non lavora) e dunque bisogna stare attenti,non puoi andare contro quello che vuole Santoro o il centrosinistra.
Io non ho mai visto dal vivo la troupe di Annozero ma non ci vuole molto a capirlo che è tutto manipolato.
Dalla bocca degli africani (rovinati dalla globalizzazione neoliberista il vero male del mondo altro che leggi della Casta) 
sono uscite parecchie cazzate. L’Italia è il Paese piu razzista,gli italiani sono razzisti,sono quelli che trattano peggio gli stranieri e in altri paesi non succedono queste cose ecc ecc .
Non sono mie invenzioni ma basta riguardarsi le interviste. E’ un po la stessa tattica che usa l’Unità con la scrittrice Somala Igiaba Scego dove tutte le settimane critica pesantemente un paese che penso gli abbia dato tutto.

Riporto alcuni dati presi dal bellissimo libro di Gian Antonio Stella NEGRI FROCI GIUDEI -(Rizzoli)

In Russia nel 2008 ci sono state 525 aggressioni  razziste con 97 omicidi.
DATI NON DI STELLA MA CHE SI SANNO:

In Francia ci sono 50.000 espulsioni l’anno,in Inghilterra il reato di clandestinità c’è dal 1971 ,e restando nel Regno Unito, nel 2007 le aggressioni sono state 61.262.
E poi c’è altro.Diamo un occhiata invece al libro di Klaus Werner-Lobo con le grandi aziende mondiali sfruttano gli stranieri
.Nelle prossime settimane metterò le schede complete delle aziende.
Ovviamente gli sfruttamenti avvengono in Sudamerica  -Asia-Africa e Paesi dell’Est Europa

ADIDAS (Germania)

Sfruttamento dei lavoratori in aziende fornitrici.

ALDI (Germania)

Sfruttamento dei lavoratori in aziende fornitrici e nell’ambito del commercio al dettaglio e della produzione primaria

APPLE INC (Usa)

Sfruttamento dei dipendenti in aziende fornitrici,distruzione dell’ambiente

BAYER (Germania)

Distribuzione di medicinali e fitofarmaci pericolosi,sfruttamento nei processi produttivi e di ricerca

BRITISH AMERICAN TOBACCO (REGNO UNITO)

Sfruttamento dei lavoratori nelle coltivazioni di tabacco ,lobbying aggressivo contro i non fumatori

CIQUITA (USA)

Sfruttamento dei lavoratori nelle piantagioni di banane,impiego di pesticidi pericolosi

COCA COLA (USA)

Persecuzione dei sindacati,ecocidio e sfruttamento di lavoro minorile

DAIMLER AG (GERMANIA)

Partecipazione a un gruppo industriale produttore di armamenti ,ecocidio e lobbying contro la tutela dell’ambiente

DEUTSCHE BANK (GERMANIA)

Concessione crediti per progetti antietici,speculazione ai danni dei Paesi poveri

WALT DISNEY (USA)

Condizioni lavorative di sfruttamento in aziende fornitrici

KRAFT (USA)

Sfruttamento dei fornitori di materie prime

MATTEL (USA)

Estremo sfruttamento nelle aziende di produzioni

MCDONALD’S (USA)

Sfruttamento dei lavoratori in aziende fornitrici e nelle filiali di vendita,conseguenze ambientali e sociali catastrofiche nella produzione di foraggi.

E poi ci sono tante altre aziende.questo è il modo in cui tedeschi-americani -inglesi trattano i sudamericani-africani e asiatici.
Queste cose però Annozero e l’Unità non lo dicono.Bravi,bella informazione a 360 gradi…
Un giorno mi piacerebbe con la mia videocamera o telefonino,riprendere e far vedere come lavora la troupe di Annozero.Se qualche emiliano-lombardo-piemontese o toscano mi avvisa quando la banda di Santoro capita dalle loro parti,me lo dica, e farò di tutto per venire a curiosare…

Il lavoro (sospetto) di Annozeroultima modifica: 2010-01-20T21:23:27+01:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo