Il Club Bilderberg e The Commission Trilateral

—-

——

—-

———–

——————

————————-

——-

—–

—————-

Riporto in un unico post alcuni pezzio dello straordinario libro di Daniel Estullin. I veri padroni del mondo,il vero potere che lsa maggior parte continua ad ignorare.

da IL CLUB BILDERBERG -Daniel Estulin (Arianna editrice)

IL BILDERBERG GROUP-I padroni dell’universo

“Un gruppo di uomini,tra i piu ricchi ed economicamente e politicamente piu potenti e influenti del mondo occidentale,che si riunisce segretamente per pianificare degli eventi,che successivamente appariranno come casuali”

THE TIMES di Londra 1977

“E’ difficile ri-educare le persone che sono state educate al nazionalismo,all’idea di cedere parte della loro sovranità a un’istituzione sovranazionale”

PRINCIPE BERNHARD-fondatore del Bilderberg Group

“Gli eventi mondiali non accadono accidentalmente:che si parli di affari politici o commerciali,viene fatto in modo che accadono e molti vengono organizzati e gestiti da coloro che hanno il controllo dei lacci della borsa”

Denis Healey,ex Ministro della Difesa britannico   

GLI OBIETTIVI DEL BILDERBERG

“I membri del Bilderberg stanno costruendo l’era del post-nazionalismo:non avremo piu Paesi,ma solo regioni della Terra all’interno di un “mondo unico”.Questo significherà un’economia globalizzata ,un “unico governo mondiale” (selezionato,piu che eletto) e una “religione universale”.Per assicurarsi il raggiungimento di tali obiettivi,il Bilderberg si concentra su “il controllo tecnologico e la scarsa sensibilizzazione della pubbblica opinione”

William Shannon

La paura dei capi del “Bilderberg Group” è di dover fonteggiare un’opposizione organizzata.I suoi membri non vogliono che la gente comune comprenda del tutto che stanno progettando per il futuro del Pianeta: un “governo unico mondiale” (azienda mondiale) ,con un singolo mercato globale,controllato da un solo esercito mondiale e regolato dalla “banca mondiale” ,che utilizzerà un’unica moneta universale.
Come hanno intenzione di realizzare i loro progetti,lo si può leggere nella seguente “lista dei desideri”.

UNICA CIVILTA’ INTERNAZIONALE

Rafforzando le istituzioni internazionali,vogliono distruggere completamente tutte le identità nazionali attraverso la sovversione dei loro valori tradizionali,allo scopo di sostituirli con quelli della globalizzazione.Nessun’altra cultura dovrà sopravvivere,in futuro.

CONTROLLO CENTRALIZZATO DELLE PERSONE  

Utilizzando il controllo delle menti,vogliono obbligare tutta l’umanità a obbedire alla loro volontà.
Brezinski ha ottenuto una laurea a Harvard nel 1953,è uno dei fondatori della “Trilateral Commission”,controllata da Rockfeller, e ha fatto un’impressionante carriera.Non solo è stato Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Carter,ma ha anche ricoperto l’incarico di membro del “Comitato Consultivo per gli Affari Esteri” sotto Ronald Reagan ed è stato co-presidente della task force consultiva per la sicurezza nazionale nel 1998,sotto Geroge W.Bush; inoltre è un collaboratore di Henry Kissinger e ha partecipato a moltissime conferenze del Bilderberg.Nel “nuovo ordine mondiale” prevede la scomparsa del ceto medio:rimarranno solo padroni e schiavi.

SOCIETA’ A “CRESCITA ZERO”

In un’epoca post-industriale,la “crescita zero” sarà necessaria per distruggere ogni traccia di ricchezza generale.Quando c’è ricchezza,c’è progresso.Ricchezza e progresso rendono impossibile imporre la repressione,e c’è bisogno della repressione,se si spera di dividere la società in padroni e schiavi.La fine della ricchezza porterà la fine dell’energia elettrica nucleare e di tutti i sistemi industrializzati (tranne le industrie statunitensi e canadesi  verranno esportate nei Paesi poveri,come la Bolivia -il Perù-l’Ecuador e il Nicaragua,dove il lavoro coatto costerà pochissimo.Cosi,uno degli obiettivi principali del NAFTA sarà raggiunto.

CONTINUO STATO DU SQUILIBRIO PSICOLOGICO

Attraverso una serie di crisi costruite a tavolino,spingeranno gli individui verso una continua prigionia fisica,mentale ed emozionale.Cosi sarà possibile tenere le persone in un costante stato di squilibrio psicologico.Troppo stanchi e deboli per prendere decisioni sul proprio destino,i popoli saranno confusi e demoralizzati,come insegna la massima “di fronte a troppe scelte,si ottiene un’apatia su larga scala”

CONTROLLO CENTRALIZZATO DI TUTTI I SISTEMI EDUCATIVI

Una delle ragioni dietro alla formazione dell’Unione Europea,dell’Unione Americana e della futura Unione Asiatica,è di poter realizzare un totale controllo dei sistemi educativi,per realizzare il “nuovo ordine mondiale” globalizzato,attraverso l’eliminazione della conoscenza della storia del mondo.I loro sforzi in proposito stanno dando risultati incredibili.La gioventù  dei nostri tempi è quasi completamente ignorante sulle lezioni del passato,le libertà individuali e il significato del termine “libertà”.Dal punto di vista delle forze della globalizzazione,questo facilita il lavoro.

CONTROLLO CENTRALIZZATO DI TUTTE LE POLITICHE INTERNE ED ESTERE

Quello che gli Stati Uniti fanno,ha effetto sul mondo intero.Al momento,il Bilderberg sembra esercitare un certo controllo sulle scelte politiche del Presidente degli Stati Uniti,Bush.Le politiche del Canada,Paese che apparentemente conserva la propria sovranità,stanno procedendo secondo il volere degli Stati Uniti;quelle dei Paesi europei,ovviamente,ora dipendono dalle scelte dell’Unione Europea.

RAFFORZAMENTO DELL’ONU

Ampilando i poteri delle Nazioni Unite,hanno in programma di realizzare un “governo mondiale” ,sia de jure che de facto,e imporre una tassa,da versare direttamente all’ONU,per ottenere la “cittadinanza mondiale”

MERCATO UNICO OCCIDENTALE

Espandendo il NAFTA,in tutto l’emisfero occidentale del globo,compreso il Sud America,otterranno una “Unione Americana” ,simile all’Unione Europea.

ESPANSIONE DELLA NATO

Visto che l’ONU interviene nei teatri piu difficile del mondo,come Afghanistan,di fatto la NATO si sta trasformando nell’esercito mondiale dell’ONU”.

UNICO SISTEMA LEGALE

La Corte Internazionale di Giustizia sta per diventare l’unico organo giudiziario del mondo.

UNICO WELFARE STATE SOCIALISTA

Il Bilderberg vuole instaurare un regime socialista del “Welfare State” ,in cui gli schiavi obbedienti saranno premiati e quelli ribelli verranno sterminati.

Il “Bilderberg Group” ha il potere e l’influenza per imporre le sue politiche a tutte le nazioni del mondo.Abbiamo già visto quanto siano lunghi i suoi tentacoli,tanto da riuscire a controllare il Presidente degli Stati Uniti,il Primo Ministro del Canada,tutti i principali mass media operanti in Occidente,tutti i piu importanti uomini politici,i principali personaggi del mondo finanziario e le banche centrali dei maggiori Paesi del mondo-tra cui la Federal Reserve degli Stati Uniti -“Fondo Monetario Internazionale”,la Banca Mondiale e le Nazioni Unite.Con tali agganci,sono in grado di distruggere chiunque-grande o piccolo che sia-intendesse opporsi ai loro piani di creazione del “nuovo ordine mondiale” ,come dimostrerò attraverso casi accaduti realmente.
Per esempio,in Avventure con gli Estremisti (Picador,2001) Jon Ronson racconta che,durante la “guerra delle Falkland”,il governo britannico richiese che venissero adottate sanzioni internazionali contro l’Argentina,ma incontrò una forte opposizione.In seguito,al meeting del Bilderberg di Sandefjorg (Norvegia) ,David Owen,membro del Parlamento britannico,tenne un acceso discorso per sostenere le sanzioni.Il suo discorso ha cambiato l’opinione di tanti.Sono convinto che molti ministri stranieri siano tornati a casa e abbiano riferito ai loro leader quello che Owen aveva detto.Sapete cosa è successo? Le sanzioni vennero adottate.
Purtroppo ,questa semplice e bella storia di cooperazione internazionale tra le nazioni non ha portato risultati positivi.

TEST DI PROVA PER IL BILDERBERG

Uno degli obiettivi del Bilderberg è la de-industrializzazione del mondo,attraverso l’eliminazione dello sviluppo scientifico delle varie nazioni,partendo dagli Stati Uniti.Le attenzioni saranno rivolte in particolare agli esperimenti per la fusione nucleare,come risorsa per lo sviluppo energetico pacifico.”Lo sviluppo dell’energia da fusione nucleare cancella la concezione del Bilderberg di un mondo dalle “risorse naturali limitate”.Infatti,la fusione nucleare creerebbe parecchie possibilità di ottenere energia da risorse molto diffuse,migliorando le condizioni di vita dell’intera umanità in un modo ad oggi ancora poco concepibile”.
Perchè il “Nuovo ordine mondiale” odia tanto l’energia nucleare? Secondo John Coleman ,ex agente segreto del MI6 britannico,le centrali nucleari che producono energia a basso costo sono “la chiave per portare i Paesi del Terzo Mondo fuori dalla povertà.Con l’energia generata a basso costo dalle centrali nucleari ,i Paesi del Terzo Mondo diventerebbero gradualmente indipendenti dai finanziamenti degli Stati Uniti,che li rendono schiavi,e comincerebbero a esercitare la loro sovranità”.Meno finanziamenti dall’estero,significa un minor controllo delle proprie risorse naturali da parte del “Fondo Monetario Internazionale”  e una maggiore libertà e indipendenza per il popolo.L’idea che le nazioni possono svilupparsi autonomamente ripugna ai membri del Bilderberg.
L’energia nucleare,secondo gli ideali del Bilderberg,non deve servire per le nazioni povere del Pianeta.Al contrario,rappresenta l’arma decisiva per sottomettere le nazioni del Terzo e del Quarto Mondo,come ha dimostrato la Guerra delle Falkland.
Secondo i miei canali informativi,un membro prestigioso del Bilderberg ha dichiarato che “un successivo rovesciamento del governo argentino,seguito dal caos economico e da sollevazioni  popolari,era stato progettato dalla “Kissinger Associates” ,che ha agito in accordo con Lord Carrington” (ex Ministro degli Esteri britannico e altro membro rilevante del “Bilderberg Group).Siamo anche venuti a conoscenza che l'”operazione Argentina” è stata pianificata dall’Aspen Insitute of Colorado” di Rockfeller.
La ragione di questa scelta risiedeva nella volontà del Bilderberg di trasformare “l’Argentina in un esempio per le altre nazioni dell’America Latina,affinchè abbandonassero le idee di promuovere il nazionalismo,l’indipendenza e l’integrità della sovranità nazionale”.
La scelta dell’Argentina non fu casuale,infatti la nazione piu ricca del Sud America stava acquisendo la tecnologia per produrre energia nucleare in Messico,cosa che andava contro la volontà del Bilderberg.La guerra delle Falkland pose fine drasticamente a questa proficua collaborazione.Senza dubbio,il Gruppo preferisce avere il Messico come “fornitore” di manodopera schiavizzata a basso costo per i lavori piu faticosi,piuttosto che farlo diventare un Paese capace di siglare accordi commerciali con altre nazioni.Inoltre,a causa di una costante campagna di propaganda negativa dei media,pochi cittadini americani si rendono conto di quanto,ancora oggi, sia vitale il mercato dell’America Latina per gli interessi degli Stati Uniti,al fine di poter esportare la tecnologia dell’industria pesante.Scambi commerciali fruttuosi con l’America Latina potrebbero “rivitalizzare molte aziende americane in difficoltà e creare migliaia di nuovi posti di lavoro”.
I membri del Bilderberg sono decisi a impedirlo a ogni costo.

IL PROTOCOLLO DELLA CONFERENZA

Nessuno può comprare l’accesso a un meeting del Bilderberg,anche se diverse multinazionali ci hanno provato.E’ il “Comitato Direttivo del Gruppo” a decidere chi invitare:quelli che The Guardian,il giornale londinese,definisce in modo appropriato “delle persone da Bilderberg” e le cui caratteristiche non sono cambiate durante i 50 anni delle conferenze segrete.Sostanzialmente,si ricerca un sostenitore del “governo unico mondiale” che sia anche un socialista fabiano-i fabianisti credono in quello che descrivono come “il controllo democratico della società in tutte le sue attività”.La parola chiave è “controllo” ,e il controllo di ogni individuo lo si ottiene meglio attraverso il governo globale,obiettivo che il Fabianismo condivide con il Comunismo.
Citando una fonte all’interno del Comitato Direttivo ,”l’invitato deve presentarsi da solo:niente mogli-fidanzate-mariti o fidanzati.Gli assistenti personali (traduzioni:guardie del corpo armate dalla testa ai piedi,meglio noto come MI6) non possono assistere alla Conferenza e devono mangiare in stanze separate.Nemmeno l’assistente personale di David Rockfeller può cenare con lui.Agli ospiti è fatto esplicito divieto di rilasciare interviste ai giornalisti”.
Per mantenere la sua aura di segretezza,gli organizzatori del Bilderberg prenotano un hotel per tutta la durata della conferenza-generalmente si parla di 3-4 giorni-facendolo svuotare degli altri ospiti dalla CIA o dal locale servizio segreto,per assicurare la totale privacy e sicurezza ai delegati.Viene studiata la pianta dell’Hotel,i membri dello staff sono accuratamente selezionati,viene testata la loro fedeltà,controllato il loro passato e verificata una loro eventuale militanza politica.Ogni persona sospetta viene sospesa dal lavoro per tutta la durata della conferenza.
Durante il meeting del 1998,”la polizia,in assetto antisommossa e con cani addestrati,controllava ogni autoveicolo in arrivo,dentro e fuori,sopra o sotto;dpodichè lo scartava fino all’ingresso secondario.Guardie armate e agenti dei servizi segreti con la mascella quadrata e l’auricolare sorvegliavano le entrate dell’albergo.Chiunque si avvicinasse all’Hotel,senza avere un ruolo nel controllo del mondo,veniva respinto”
Il governo della nazione ospitante si occupa della sicurezza dei partecipanti e del loro entourage;inoltre affronta le spese per la protezione militare,per la presenza della polizia locale e nazionale e dei servizi segreti,cosi come la presenza aggiuntiva di guardie private a tutela dell’intimità e della privacy dell’elitè piu potente del mondo.Ai partecipanti non è richiesto di seguirne le norme e le consuetudini del Paese ospitante, cosi come non valgono le normali procedure doganali,come mostrare i documenti o giustificare la merce che si ha con sè:tutto questo non è richiesto,ai membri del Bilderberg.Quando si incontrano,nessuno che non  ne faccia parte è autorizzato ad avvicinarsi all’albergo.Spesso si portano dietro i loro cuochi-le segretarie-i centranilisti ,gli autisti ,il personale delle pulizie e le guardie del corpo.
La conferenza del 2004,per esempio,è stata tenuta a Stresa al “Gran Hotel dell’Isola Borromeo”,una struttura con “174 meravigliose stanze,che riproducono fedelmente l’era della Belle Epoque,in stile Impero o Maggiolini ,abbondantemente drapeggiate-accoglienti,molto luminose,con candelieri di Murano che ne aumentano la “credibilità storica”.Molte delle stanza “vista-lago” sono dotate di un balcone privato,tutti i bagni hanno pavimenti di marmo italiano e sono dotati di idromassaggio.Le suites sono stupende,con oggetti d’arte,soffitti intarsiati.
Uno dei membri dello staff del “Trianon Palace” di Versailles mi ha detto che nel 2003 il conto telefonico di David Rockfeller superò i 14.000 euro,nei tre giorni della conferenza.Secondo una mia fonte,che ha partecipato alle riunioni del Bilderberg,non sarebbe stravagante stabilire,per la durata dei 4 giorni della conferenza,un costo complessivo di 10 milioni di euro.E’ piu di quanto costa proteggere il Presidente degli Stati Uniti o il Papa durante una delle loro visite internazionali.Evidentemente ,nè il Presidente nè il Papa godono di un’importanza paragonabile a quella del Bilderberg Group”.
Si tengono quattro sessioni giornaliere:due al mattino e due nel pomeriggio,tranne il sabato,in cui si svolge solo una sessione mattutina.Il sabato,dal mezzogiorno alle 3 del pomeriggio,i membri del Bilderberg giocano a golf,nuotano e,accompagnati dagli “assistenti personali” ,partecipano a crociere e a giri in elicottero.
I posti a sedere sono assegnati in ordine alfabetico,a rotazione: un anno Umberto Agnelli (l’ex presidente della FIAT ,ora deceduto) potrebbe sedersi in prima fila e l’anno successivo Klaus Zumwinkel,presidente di “Deutsche Post Worldnet AG” e della “Deutsche telekom”,potrebbe prendere il suo posto.
Ogni Paese invia generalmente una delegazione di tre persone:un industriale o un noto uomo d’affari,un importante ministro o un senatore e un intellettuale o l’editore di un periodico di rilievo.Gli Stati Uniti inviano un numero maggiore di delegati,in virtù delle loro dimensioni.I Paesi piu piccoli,come la Danimarca o la Grecia,possono contare al massimo su due posti.Alle conferenze partecipano al massimo 130 delegati.I due terzi dei partecipanti arrivano dall’Europa,il resto dagli Stati Uniti e dal Canada 8i delegati messicani partecipano all’organizzazione sorella e meno potente,la Trilateral Commission).
Un terzo dei delegati fa parte di compagini governative,o comunque del mondo politico,e i restanti due terzi provengono dal settore dell’industria,della finanza, della cultura,dal mondo del lavoro e dei mezzi di comunicazione.Molti delegati parlano un perfetto inglese e utilizzano il francese come seconda lingua.

I CONCUBINI DEL BILDERBERG

E’ importante distinguere tra i membri fissi,che partecipano ogni anno alle conferenze,e gli altri,che vengono invitati occasionalmente.Circa ottanta personalità vengono invitate,di volta in volta,ogni anno.Queste persone vengono scelte in base alle materie trattate,che ricadono sotto la loro sfera di influenza,o per la loro conoscenze professionali e accademiche e sono all’oscuro della struttura segreta che agisce dietro al “Bilderberg Group” e dei suoi obiettivi piu profondi e universali.Tra queste persone,vengono selezionati dai responsabili del Bilderberg,perchè li ritengono utili strumenti per il loro piano di globalizzazione,pochi elementi che,per questo,verranno poi aiutati a ricoprire posizioni politiche molto importanti.Le personalità che non mi impressionano il Gruppo vengono inviate una volta sola.
Il caso piu clamoroso di “reclutamento andato a buon fine”,è stato quello dello sconosciuto Governatore dell’Arkansas,Bill Clinton,che partecipò al suo primo meeting del Bilderberg nel 1991,a Baden-Baden in Germania.In quell’occasione,David Rockfeller spiegò a Clinton che “l’Accordo per il Libero Mercato del Nord America” (NAFTA) non era una priorità per il Bilderberg e che quindi lui avrebbe dovuto agire per sostenere la posizione del Gruppo.
L’anno successivo,Clinton venne eletto Presidente degli Stati Uniti e-indovinate un pò-si rivelò uno strenuo oppositore della NAFTA.
La seguente lista evidenzia le coincidenze temporali tra le partecipazioni alle Conferenze di alcune personalità e io loro scatti di carriera:

-BILL CLINTON:partecipa al meeting del 1991;vince le primarie del Partito Democratico e diventa  Presidente degli Stati Uniti nel 1992

-TONY BLAIR: partecipa al meeting del 1993;diventa il leader del Partito Laburista nel luglio del 1994 e viene eletto Primo Ministro nel maggio del 1997

-GEORGE ROBERTSON:partecipa al meeting del 1998;viene nominato Segretario Generale della NATO nell’agosto del 1999

ROMANO PRODI: partecipa al meeting del 1999;riceve l’incarico di Presidente della UE  ,governatore della Banca d’Italia;nel settembre del 1999.Ricopre tale incarico fino a gennaio 2005;nel 2006 viene eletto Presidente del Consiglio italiano.

IL PROGRAMMA DEL BILDERBERG  PER IL 2009: RIDEFINIRE LA POLITICA ECONOMICA GLOBALE

CHI C’ERA?

Famiglie reali europee.
Alla conferenza di quest’anno era presente la Regina Beatrice D’Olanda,che non a caso è la maggiore azionista privata della Royal Dutch Shell, una delle piu grandi multinazionali del mondo.E’ stata raggiunta da uno dei suoi tre figli,il principe Costantijn ,che è stato anche presente alla riunione.Il principe Costantijn ha lavorato con il Commissario Europeo olandese per EU,oltre ad essere stato un consulente di politica strategica e tecnica nei settori dell’analisi economica e aziendale,dell’analisi dell’intelligence e delle operazioni e della tecnologia dell’informazione ,oltre a molti altri campi.Il principe Costantijn è stato inoltre un ricercatore per la RAND Corporation in Europa.Tra i reali presenti c’era anche il principe Philippe del Belgio e la regina Sofia di Spagna.

LE BANCHE PRIVATE

David Rockfeller,ex direttore generale e presidente della Chase Manhattan,ora JP Morgan Chase e membro fondatore del Bilderberg ,Josef Ackermann,amministratore delegato della Deutsche Bank,direttore non-esecutivo della Royal Dutch Shell,vice presidente della Siemens AG; Roger Altman ,sottosegretario al tesoro sotto la presidenza Clinton; Tommaso Padoa-Schioppa,banchiere ed economista italiano ed ex ministro dell’economia e delle finanze in Italia; W.Edmund Clark,presidente e direttore generale del TD Bank Financial group,membro del consiglio di amministrazione del C.D. Howe Institute,un prominente think tank canadese; e Indira Samarasekera,presidente dell’università di Alberta,che fa parte anche del consiglio della Scotiabank,una delle maggiori banche canadesi.

LE BANCHE CENTRALI

Gerrgios A.Arapoglou governatore della Banca Nazionale della Grecia;Mario Draghi il presidente della Banca Europea degli investimenti,James Wolfensohn,ex presidente della Banca Mondiale; Nout Wellinlk, facente parte del consiglio della Bank for Internation Settlements (BIS) (Banca dei Regolamenti Internazionali ,BRI); e Jean -Claude Trichet,presidente della Banca Centrale Europea.

L’AMMINISTRAZIONE DI OBAMA

L’amministrazione Obama è stata ampiamente rappresentata alla riunione del Bilderberg di quest’anno.Tra i presenti c’erano Keith B.Alexander,tenente dell’esercito americano e direttore della National Security Agency; Timothy Geithner, segretario al tesoro USA ed ex presidente della Federal Reserve di New York; Richard Holbrooke ,invitato speciale dell’amministrazione degli Stati Uniti;Henry Kissinger ,l’inviato speciale di Obama in Russia,membro da lungo tempo del Bilderberg ed ex segretario di stato e consigliere per la sicurezza nazionale:Dennis Ross,consigliere speciale per il Golfo Persico e l’Asia sud-occidentale per il segretario di stato Hillary Clinton; David Patraues ,Comandante del CENTCOM (il Comando Centrale Usa in Medio Oriente); Lawrence Summers,direttore del National Economic Council della Casa Bianca,ex segretario del tesoro durante l’amministrazione di Clinton ,ex presidente dell’università di Harvard,ex capo econimista della Banca Mondiale;Paul Volcker ,ex governatore del Federal Reserve System e presidente dell’Econimic Recovery Advisory Board di Obama;Robert Zoellick ,ex presidente della Goldman Sachs ed attuale presidente della Banca Mondiale;e il sotto segretario di stato James Steinberg.

ALTRI NOMI ILLUSTRI

Erano presenti il Visconte Etienne Davignon ,ex vice presidente della Commissione Europea e presidente onorario del Gruppo Bilderberg; Francisco Pinto Balsemao,ex primo ministro del Portogallo: Franco Bernabè,direttore della Telecom Italia e vice presidente della Rothschild Europe;Carl Bildt,ministro degli esteri della Svezia,Kenneth Clarke ,segretario ombra degli affari del Regno Unito;Richard Dearlove ,ex capo dei servizi segreti britannici (M16); Donald Graham ,direttore della Washigton Post Company; Jaap De Hoop Scheffer ,segretario generale della NATO; John Kerr ,membro della Camera dei Lord britannica e vice presidente della Royal Dutch Shell; Jessica Matthews ,presidente del Canergie Endowment for International Peace; Richard Perle dell’American Enterprise Institute; ROMANO PRODI ,ex presidente del consiglio italiano: John Elkann ,azionista e vicepresidente della FIAT; J.Roberts S. Prichard ,direttore generale della Torstar Corporation e presidente emerito dell’università di Toronto; Peter Sutherland , ex direttore generale dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio (GATT) ,primo direttore dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) ed attuale presidente della British Petroleum (BP) e della Goldman Sachs International ;Peter Thiel,del consiglio di amministrazione di Facebook ;Jeroen van der Veer ,direttore generale della Royal Dutch Shell;Martin Wolf ,editore associato e commentatore economico capo del quotidiano Financial Times.

IL BILDERBERG SMASCHERATO

Thomas Jefferson ,uno dei padri fondatori della democrazia americana,usava affermare:” I singoli atti compiuti da un tiranno li si possono ascrivere all’opinione occasionale di quel giorno,ma una serie di soprusi,iniziata in un determinato periodo e portata avanti in modo continuativo durante l’avvicendarsi dei presidenti,dimostra fin troppo chiaramente che esiste un piano sistematico,volto a ridurci in schiavitù”.La caratteristica piu profonda di questo gruppo mondiale,quasi esclusivamente maschile e corporativo,fu espressa da David Rockfeller nel giugno del 1991,durante il meeting del Bilderberg di Baden-Baden ,in Germania,quando affermò che una sovranità sovranazionale,esercitata da una elite intellettuale e di banchieri mondiali,è sicuramente preferibile all’autodeterminazione delle nazioni,come avveniva nei secoli scorsi. Il 9 dicembre 2001,il professore John Mc Murtry,dell’Università di Guelph (Canada) ,disse, nel suoi discorso di apertura di un forum intitolato “Cosa può fare,il Canada,di fronte al terrorismo e alla guerra?

“In quanto struttura di potere a livello mondiale,messa in piedi dalle stesse forze finanziarie e dal sistema dei mass media,ha posto Tony Blair e guida della Gran Bretagna e George W.Bush alla Casa Bianca,nonostante la maggioranza dei votanti fosse contraria.Le multinazionali hanno finanziato e comprato questi leader politici per essere certi che questi uomini corrotti servissero i loro piani piu di quanto non avrebbero fatto dei governi liberamente eletti dal popolo,e hanno fatto in modo,attraverso le creazione di entità plenipotenziale e provvedimenti per mercati transnazionali ,che i governi non potessero ostacolare i loro piani a lungo, senza infrangere le nuove leggi commerciali e finanziarie,con cui vengono tutelati solo i diritti di queste grandi multinazionali”

Quello che mi lascia perplesso è che le altre persone non riescano a vedere i pericoli nascosti dietro a tutto questo.Dipende forse dal fatto che la conoscenza porta responsabilità e spinge a impegnarsi per ottenere un cambiamento?
Se tutti noi ci rendessimo conto che esiste un potere molto piu forte dei vari presidenti eletti dal popolo,un’autorità spirituale molto piu potente del Papa, un potere invisibile-il sistema bancario internazionale,il piu potente sistema di propaganda della storia dell’umanità-che controlla gli apparati di tutti gli eserciti e tutti i servizi segreti del mondo,saremmo costretti a concludere che la democrazia,nelle migliori delle ipotesi,è un’illusione e,nella peggiore,rappresenta il preludio per quella dittatura che si chiama “nuovo ordine mondiale”.
Michael Thomas ,un operatore di Wall Street,molto apprezzato come scrittore e considerato uno dei commentatori piu incisivi sull’era Reagan-Bush, il 28 maggio 1999 ha dichiarato al SHC News che “se i membri del Bilderberg sembrano essere restìì del solito ad apparire sui media,è perchè,tra le altre ragioni,si rendono conto che le loro principali strutture ,il “Fondo Monetario Internazionale” e la Banca Mondiale,hanno causato un numero di devastazioni umane molto superiore a quello seguito alla II Guerra Mondiale”.
“L’infelice risultato” ,scrive l’ex giornalista della BBC Tony Gosling,sul suo sito (
www.bilerberg.org),”è l’immagine di una democrazia occidentale ridimensionata,nella quale le persone incaricate di prendere decisioni non tengono conto dei bisogni della gente,come la giustizia sociale,il bene comune e una buona qualità della vita;al contrario,causando una forte austerità economica,vogliono favorire gli interessi dell’elite politiche e delle multinazionali”.
Nonostante le prove siano ormai evidenti,la maggioranza della gente ritiene di essere troppo occupata a risolvere i problemi quotidiani  che è costretta ad affrontare,per perdere tempo con le “teorie della cospirazione”.
Questo è esattamente il tipo di lavaggio di cervello ,che Tavistock aveva in mente per noi.Di fronte al caos totale,stiamo reagendo come fece Nixon,che venne prima isolato,poi manipolato e infine distrutto dagli organizzatori della globalizzazione.Demoralizzate e manipolate,private della propria autostima,insicure verso il futuro,le persone sono sempre piu poste nella condizione di desiderare l’arrivo del “Messia”,l’avvento di un “nuovo ordine”,che prometta di eliminare la droga -la pornografia-la prostituzione minorile,l’aumento della criminalità-le guerre-le carestie e la sofferenza,garantendo al contempo una società basata sull’ordine,in cui le persone vivranno in armonia.Ma questa nuova “armonia” ,cosi dipinta,finirà con l’incidere sulla nostra esistenza.”Armonia” significherà una società socialista;diventeremo semplicemente dei numeri,in un sistema dominato dalla burocrazia del “nuovo ordine” mondiale”.Chi non si conformera,come me,sarà internato in campi di concentramento creati sul modello della prigione di Guantanamo.Tutto questo accadrà,se noi,la gente di (quello che rimane) del mondo libero,non inizieremo a combattere per difendere i nostri ideali nazionali,invece di lasciare tutto nelle mani dei governanti,dei commissari dell’Unione Europea,dei rappresentanti alle Nazioni Unite e delle famiglie reali,tutti soggetti che ci stanno tradendo.
Questi graziosi,ben educati membri delle famiglie reali europee,queste anziane donne dai modi eleganti e questi gentiluomini bonari,sono in realtà persone assolutamente spietate.Sfruttano le sofferenze delle nazioni e spendono le loro ricchezze per proteggere il loro privilegiato stile di vita.Le fortune dell’aristocrazia sono “inestricabilmente legate e intrecciate con il mercato della droga ,dell’oro,dei diamanti e delle armi; con il sistema bancario,del commercio e dell’industria del petrolio;con il controllo dei media e dell’industria dell’intrattenimento”. Come si possono verificare questi fatti, se è praticamente impossibile penetrare all’interno del “Bilderberg Group”? Alcuni di essi sono indimostrabili,perchè le informazioni che riceviamo arrivano direttamente dai servizi segreti,in modo che solo una piccola minoranza privilegiata possa venire a conoscenza della realtà.Non aspettatevi mai che i principali telegiornali possano dare notizie sulla cospirazione che sta avvenendo alle nostre spalle.La stampa è sotto il totale controllo di questi gentili signore e signori,che spendono tanto tempo impegnandosi in attività di beneficienza.Molta gente,non vedendo i “motivi” dietro le cose che loro descritto-dato che non ne parlano nè le televisioni,nè i giornali, nè la radio -è convinta che debba per forza trattarsi di una “teoria della cospirazione”,quindi da ignorare o deridere,ma comunque da rifiutare.Vogliono prove concrete,ma sono difficili da trovare.Questo è ciò che il sistema di lavaggio del cervello di Tavistock ha fatto alla razza umana.
Il “nuovo ordine mondiale” si è impegnato a neutralizzare l’unica arma che noi,persone comuni,potevamo utilizzare per ostacolare i suoi progetti. Sto cercando di strappare via la maschera dal volto del “nuovo ordine mondiale”,per mostrare ciò che esso realmente è.Questo libro contiene molte citazioni e molti documenti,che possono rafforzare la mia teoria,e anche un certo numero di fatti concreti,che faranno intuire-almeno lo spero-a un lettore intelligente,se quello che voglio dimostrare è credibile o meno.

IL PROGRAMMA DEL BILDERBERG PER IL 2009:RIDEFINIRE LA POLITICA ECONOMICA GLOBALE

Andrews Marshall

Dal 14 al 17 maggio,l’èlite mondiale si è incontrata in segreto in Grecia,per l’annuale conferenza del Bilderberg Group,in stretto riserbo e approfittando della scarsa attenzione dei media.Circa 130 tra le personalità piu potenti del mondo si sono riunite per discutere le scottanti questioni di attualità e per stabilire un piano d’azione per i prossimi anni.La questione principale discussa è stata la crisi finanziaria globale,anche se,senza peraltro destare sorpresa,la lista dei partecipanti include molti dei responsabili della crisi stessa,che paradossalmente dovrebbe risolvere.

Il tema principale della riunione di quest’anno è stato come affrontare la crisi finanziaria globale; nello specifico,se sia meglio una lunga e graduale crisi di durata decennale che generi lunghi periodi di stagnazione,declino e povertà,oppure una breve e intensa,che spiani la strada a un nuovo ordine econimico mondiale,che preveda la perdita totale della sovranità degli stati nazionali,in nome dell’efficienza economica.In quest’ottica,particolare importanza la ricopre il Trattato di Lisbona,il quale trasformerà l’Unione Europea in un vero e proprio governo sopranazionale,a discapito di quelli degli stati membri.Il giornalista investigativo Jim Tucker ha detto che una sua fonte interna gli ha rivelato che il Bilderberg ha tra i suoi obiettivi “un piano per istituire un ministero globale per l’economia e preferisce una breve e incisiva depressione,rispetto a una lunga e lenta crisi economica”.
In particolar modo,il ministro degli esteri svedese,Carl Bildt,ha chiesto la trasformazionre del Fondo Monetario Internazionale in un vero e proprio dicastero del tesoro mondiale,sotto la guida delle Nazioni Unite.Tucker ha anche riferito che Bildt e il segretario del tesoro statunitense,Timothy Giethyner,auspicano una crisi piu breve di un decennio,la quale causerebbe grossi danni agli interessi dei membri del gruppo.

Il 21 maggio,l’agenzia di stampa internazionale della Macedonia,ha affermato che “un nuovo rapporto del Cremlino sul misterioso Bildergroup riferisce che per continuare a gestire il Nuovo Ordine Mondiale ,dominato dalle potenze occidentali,il dollaro americano deve essere completamente distrutto;e che si è tenuta una riunione segreta per pianificare la dimissione del dollaro statunitense”.
Estullin riferisce che alcuni importanti banchieri europei hanno agitato lo spettro delle loro morte finanziaria,definendo tale situazione “insostenibile”,e lamentandosi del fatto che il debito degli Stati Uniti e lo squilibrio nella bilancia commerciale richiedono la dismissione del dollaro”.Sembra che tutti abbiano concordato sul fatto che “il livello di capitale necessario per il sistema bancario americano è decisamente troppo alto per il governo degli Stati Uniti,almeno secondo i loro ultimi studi”.Un membro del Bilderberg ha affermato che le perdite sui mercati azionari sono state peggiori nel 2008,rispetto a quelle del 1929 e che “la prossima fase del declino economico sarà ancora peggiore di quella degli anni 30”,principalmente a causa del fatto che il sistema economico statunitense si porta dietro il peso di un debito pubblico pari a 20 trilioni di dollari.

Il FMI (fondo monetario internazionale) ha prontamente inviato un rapporto al Bilderberg,esponendo le misure per trasformarsi in Ministero mondiale del tesoro,e “il Ministero del tesoro degli Stati Uniti,Timothy Geithner,ha appoggiato entusiasticamente tale progetto,anche se non ha ancora ricevuto formale assicurazione di diventarne responsabile”.Geithner ha aggiunto che “la nostra speranza è che possiamo collaborare con l’Europa a un progetto globale,creando infrastrutture globali con obiettivi globali.
Bloomberg ha riferito che l’amministrazione Obama sta pensando di privare la Commissione sulla sicurezza e sugli scambi (SEC) di alcuni dei suoi attuali poteri,nel quadro di una riorganizzazione dei regolamenti,e che,la proposta,non ancora formalizzata,punti a dare maggiore autorità alla Federal Reserve,affinchè vigili su quegli istituti che sono troppo grandi per fallire.la FED potrebbe acquisire alcuni poteri della SEC,mentre altri potrebbero essere trasferiti per altre agenzie.
Va ricordato ,che la Federal Reserve è la banca centrale degli Stati Uniti,ed è privata,visto che i suoi azionisti sono le maggiori banche del paese,su cui,peraltro dovrebbe vigilare.Le piu importanti sono la JP Morgan Chase e la Federal Reserve Bank of New York.questo progetto finirebbe col dare a una banca privata,che gode di autorità governativa,la possibilità di regolamentare le banche che la possiedono.Si permette che i controllati controllino i controllori,si passa il potere di controllo sulla banche,alle stesse banche che devono essere controllate,dato che decidono la nomina del presidente della FED.

Il progetto del Bilderberg di creare un ministero globale del tesoro era nato ancora prima della sua ultima riunione,durante le decisioni finali del G20 in aprile.Sembrava però che il G20 intendesse piu orientarsi verso la creazione di una banca centrale globale,ora il FMI sembra il soggetto scelto a ricoprire entrambi i ruoli.In seguito al meeting del G20 di aprile,è stato detto che il mondo è a un passo da un’unica moneta globale,gestita da un’unica banca centrale globale,gestita da una politica monetaria unica per tutta l’umanità”. Come si trova scritto nel comunicato ufficiale sottoscritto dai leader dei paesi del G20,”abbiamo concordato nello stanziare un’allocazione generale di SDR,che inietterà 250 miliardi dollari (pari a 170 miliardi) nel sistema economico mondiale,aumentando la liquidità globale”,e che gli SDR sono degli Speciali Diritti di economico mondiale,aumentando la liquidità globale,che sia priva di un qualunque controllo da parte di alcuna istituzione sovrana”.In seguito alla riunione del Bilderberg,” il presidente Obama ha chiesto al Congresso di autorizzare uno stanziamento al Fondo Monetario Internazionale di 100 miliardi di dollari,per contribuire alla creazione di un fondo globale di emergenza dell’importo di 500 miliardi di dollari,che sarebbe al FMI il carattere generale di ministero globale del tesoro,in grado di fornire aiuti economici ai vari paesi del mondo che ne avessero bisogno.Valutando il programma,si è detto che “i leader mondiali iniziarono a pensare all’istituzione del  fondo di emergenza,chiamato Nuovo Accordo sui Prestiti (NAB) ,alla riunione del G20 di inizio aprile.Il presidente concordava con l’idea di istitute questo nuovo fondo”.Obama scrisse che “il Ministro del tesoro Geithner ha concluso che l’entità del NAB è assolutamente inadeguata per fronteggiare la dimensione della crisi economica e finanziaria attuale,e io concordo con lui”. Con la decisione del G20 di aumentare l’utilizzo dei Diritti Speciali di Prelievo del FMI,dando vita de facto a una valuta globale,si è recentemente detto che l’Africa Sub-Sahariana riceverà circa 10 miliardi di dollari dal FMI in SDR,per aiutare la sua economia a fronteggiare la crisi gloobale” e che,come parte di un finanziamento di 1.1 trilioni di dollari volto a fronteggiare l’attuale crisi finanziaria,concordato alla riunione del G20 di aprile,il FMI stanzierà 250 milioni di dollari in SDR,che serviranno a formare un fondo di riserva per le monete estere”.
Alcuni recenti articoli riportano il fatto che il ruolo del FMI nell’emissione degli SDR è proceduto di pari passo con la formazione dell’idea,all’interno del Bilderberg,di far collassare il dollaro americano che,”trasformare il sistema basato sul dollaro,in uno basato sugli SDR,rappresenta il maggior cambiamento politico degli ultimi 60 anni”,questo risultato verrebbero ottenuto allocando massicce quantità di nuovi SDR presso i membri del FMI,come sta appunto venendo in Africa.

IL CONFRONTO (2003)

Una girandola di colori marroni e dorati si muoveva nel cielo notturno sulla città francese di Versailles,facendo apparire misteriosa la notte.
Un caldo opprimente e umido regnava sovrano,mentre camminavo per le strade della città,cercando di calmare la sete.A circa 300 metri dal famoso Trianon Palace Hotel,un ferro di cavallo sulla porta di un’osteria catturò la mia attenzione.Le pareti del locale,di color porpora e verde,avevano bisogno di essere riverniciate e il contrasto tra il lusso dell’albergo e la modestia del pub solleticavano la mia ironia:siamo forse destinati a vivere in un mondo in cui esisteranno solo due classi-i ricchi e i poveri, i padroni e i lavoratori-in un sistema che ricordi quello feudale di signori e schiavi,sotto un governo unico che dominerà il mondo?
Era un piano di cui pochi erano a conoscenza,ma quella notte ero stanco di cercare prove per rendere evidente questo pericolo per la nostra libertà.Non avevo programmato alcuna intervista.Volevo solo distrarmi da quel genere di lavoro e allontanarmi da quei pensieri.
Sentendo gli odori che provenivano dal pub,aumentava la mia voglia di un cappuccino,cosi varcai la porta d’ingresso.
All’interno,c’erano posti liberi solo vicino al bancone.Trovai uno spazio,proprio all’inizio del bancone e feci la mia ordinanza al barista.Di fronte a me,una miriade di bottiglie di liquori,coppe e  bicchieri ricopriva il muro. in un angolo c’era la macchina per fare il caffè.Dietro di me,alla mia destra,c’erano diversi turisti gallesi che occupavano un gruppo di tavoli uniti tra loro e un uomo baffuto e gobbo,con guanti di pelle e un curioso cappello.Proprio mentre mi stavo domandando come mai indossasse guanti simili in una notte abbastanza calda,una donna grassa,con una pesante catena al collo,spiegò ai turisti che quell’uomo era un pianista e che doveva proteggersi le mani.Alla mia sinistra, in un altro tavolo,un gruppo rumoroso di persone stava giocando a carte.Un uomo miope attirò la mia attenzione.Sembrava appena uscito da un quadro di Van Gogh.Era anziano,calvo e obeso,e indossava un largo maglione grigio,che lo faceva sembrare piu grasso;un enorme bicchiere con i bordi di corno rendeva ancora piu grandi i suoi occhi del colore del mare,facendolo apparire ancora piu curioso agli occhi della gente.L’ombra permanente di una folta barba gli ricopriva il mento e la mascella e,sopra la bocca,si notavano dei baffi brizzolati,tagliati con cura.Ordinò del rum e riempì la pipa,mentre guardava distrattamente la partita.
Era passato da un pezzo l’orario usuale a Parigi-le otto di sera-e potevo sentire il suono di un pianoforte,nella sala,la gente che parlava a voce alta e le risate di gioia di alcuni bambini.Appena pagato il caffè,la mia percezione del locale cambiò drasticamente.Forse aveva talmente successo che il proprietario non aveva ancora trovato il tempo per ristrutturarlo.Quella considerazione mi dava coraggio.
“Vorrei parlarle”.Potevo sentire il respiro dell’uomo sui capelli,dietro il collo.Mi girai istintivamente verso destra,ma non c’era nessuno.
“Resti seduto,per favore”,aggiunse una seconda voce.
I miei nervi cominciavano a tendersi.Quante volte ancora avrei dovuto essere  maltrattato dalla CIA o dal Mossad,minacciato dalle polizie locali,fotografato dalle forze di sicurezza? Ruotai sullo sgabello del bar per confrontare le voci.”Ci stiamo divertendo,vero,ragazzi”?
Un signore,vestito all’inglese,ignorò la mia battuta.”Signor Estullin,ci dispiace intrometterci nella sua vita privata,ma desideremmo vivamente parlare con lei”.Mi porse una mano flaccida,nella speranza che decidessi di stringerla.”Non c’è bisogno che le dica che le richiediamo la massima discrezione”
Potrei affermare,dalla sua goffa sintassi,che aveva imparato l’inglese seguendo qualche corso di poco valore,specializzato nell’insegnare le maniere e il linguaggio britannico formale.
“Come sapete il mio nome? Non ricordo di avervelo detto.
“Sappiamo parecchie cose su di lei,signor Estullin”,affermò con voce gracchiante un uomo biondo dalle spalle larghe.Stava piu indietro,nell’ombra del primo uomo.Senza dubbio era la sua guardia del corpo.Sembravano “il gatto e la volpe”.”Cosi pare”,dissi accomodandomi meglio sullo sgabello e lasciando che il silenzio calasse tra di noi.Il silenzio poteva essere tanto mio alleato quanto una loro arma.
Uno dei due abbassò lo sguardo,tirò fuori dal taschino della giacca,di ottima fattura,un portasigarette e cominciò a esaminarlo.”Per esempio,sappiamo che lei è qua per seguire la riunione del Bilderberg.Come sta facendo da molti anni.Stranamente,sembra che lei conosca in anticipo il luogo esatto in cui si svolgono gli incontri,nonostante che molti degli invitati vengono informati solo una settimana prima del loro inizio.Mi scoccia ammetterlo,ma, anche se cerchiamo di cancellare le nostre tracce e usiamo tutte le precauzioni possibili,sembra che lei sappia sempre di cosa discuteremo e quali sono i nostri progetti  futuri”.
Dopodichè alzò lo sguardo e mi fissò:” La sua intrusione,signor Estulin,ha molto influenzato le nostre decisioni al riguardo di qualche invitato.A un certo punto,avevamo pensato di esserci liberati di lei.Ritenevamo che alcune persone,che non venivano piu invitate,fossero i suoi informatori-aveva sbagliato le previsioni su alcune conferenze- e,se cosi fosse stato,le conseguenze per loro sarebbero state molto pesanti.Per loro fortuna,lei è tornato a farsi vivo”.
Mentre  ascoltavo le sue parole,la mia mente decifrò l’accento che stava cercando di imitare:quello del Kent.
“Come fa a sapere tutte queste cose?, mi chiese il suo compare.
Lo fissai e mi sforzai di non mettermi a ridere.In fin dei conti,”loro”,i rappresentanti di quel potentissimo e segretissimo gruppo internazionale di speculatori e di banchieri chiamato “Bilderberg Group”,erano venuti a  cercarmi direttamente.Era un onore,per me,anche se era una situazione pericolosa.Dovevo fare molta attenzione.
“Mi lasci dire che è un segreto professionale”,risposi,ringraziando silenziosamente la mia buona stella,per non aver utilizzato il pub per incontrare i miei informatori del Trianon Palace.Se avessero visto qualcuno dello staff dell’albergo parlare con me,sicuramente l’avrebbero fatto licenziare.L’uomo con i baffi e il naso peloso sobbalzò,alla mia risposta.Aveva delle sopracciglia molto curate e una bocca sottile,che si piegava in un ghigno,come per volermi intimidire.
Il suo socio mise la mano destra nella tasca sinistra dei pantaloni,aprendo i lembi del cappotto e mostrando un orologio sopra il panciotto ,e disse:”Lei è piuttosto enigmatico,signore”.Diede uno sguardo all’altro individuo,indicandogli la porta,e prosegui:”La prego,ci segua fuori,dove potremo parlare piu liberamente”.
Curiosamente,concordavano con lui.
Una splendida luna spuntava sopra alcuni alberi lontani,issandosi sopra la terrazza dell’albergo.Piu avanti,lampeggiavano le luci della strada,Potevo sentirne il rumore delle chiacchere provenienti dai bar all’aperto,simile a un abbaiamento di cani.Tra noi tre il silenzio durò alcuni minuti.
“Perchè ci dedica tanta attenzione? “,chiese uno dei due uomini.”Non lavora per alcun giornale famoso.Scrive articoli che rendono nervosi i nostri membri.Diversi membri del Congresso degli Stati Uniti e del Parlamento del Canada sono stati costretti a disdire la loro presenza alle riunioni annuali,dopo che lei li aveva citati come invitati”
“Questo non va bene”,aggiunse l’altro.
Il primo riprese:”Il Bilderberg Group”,signor Estulin,è un’associazione privata,in cui avvengono discussioni riservate tra i membri influenti della comunità economica mondiale.I politici sono invitati per scambiare le loro esperienze personali e professionali con il resto del gruppo.tutto ciò viene fatto con la speranza che queste riunioni possano colmare le distanze tra le strategie degli uomini politici e i bisogni della gente comune.In nessun modo,cerchiamo di influenzare le politiche dei governi o di chi prende le decisioni”.
“Stronzate!” ,dissi tra i denti.Sentivo i muscoli del collo irrigidirsi e la mia indignazione crescere.”Se non fosse stato per la pressione dei giornalisti,adesso il Canada farebbe parte dei grandi Stati Uniti d’America;inoltre ,come mai la vostra gente ha ucciso  Aldo Moro?
“Come sa,non possiamo rivelarle nulla,signor Estullin.Non sono venuto qua per discutere con lei di queste cose,signore”.Mi rispose l’uomo.”Sarebbe troppo chiederle se stiamo parlando a livello riservato?”.
“Non parlo mai in modo riservato,specialmente se si tratta del “Bilderberg Group”.Realizzai che mi stavo comportando da folle,ma al momento mi stavo godendo l’opportunità di dare un “volto” alla mia voglia di vendetta,alla mia frustazione repressa a causa dei loro progetti segreti.Forse,se fossi riuscito a far perdere loro il controllo,razionalizzai,avrei potuto scoprire le vere ragioni nascoste dietro il meeting di quell’anno.
Invece insistette sull’utilità della cooperazione e della collaborazione tra le varie nazioni,sul bisogno di combattere la povertà infantile in Africa… la solita propaganda.Cercavo di concentrarmi,ma la mia attenzione era attratta dal comportamento dell’altro individuo.
O sorrideva sinistramente,oppure si passava la lingua sui baffi.
“Potremmo seriamente riconpensare il suo silenzio,signor Estulin”.La mia attenzione tornò sull’uomo che stava parlando.”Che condizioni vorrebbe imporci?”,mi chiese.
Gettai nuovemente uno sguardo all’altro,per valutare il suo interesse verso la mia risposta.Mantenne uno sguardo impassibile.quello che aveva parlato giocherellava con una sigaretta,lisciandola dolcemente e passandola sul labbro inferiore,mentre aspettava.I suoi occhi però,non guardavano realmente la sigaretta,ma erano fissi nel vuoto,mentre restava in attesa della mia risposta.
“come condizione per il mio silenzio,voglio che tutte le riunioni future del Bilderberg siano annunciate pubblicamente.Voglio accessi liberi e incondizionati per ogni giornalista che desideri parteciparvi.Tutte le discussioni devono essere pubbliche e la lista degli invitati deve essere resa nota prima che inizino le riunioni.Niente piu CIA, pistole-cani-guardie private e,sopratutto,niente piu segretezza!”.
“Sa benissimo che è impossibile,signor Estulin.Le richieste sono troppo alte,e ormai è troppo tardi”.”Allora ,signori”,replicai,”mi dovrete sopportare,finchè l’arbitro non avrà fischiato la fine della partita”.
L’uomo reagì secondo il suo stile educato.”Quando è cosi,buona serata, signor Estullin.Mi spiace averle fatto perdere del tempo”.
L’altro individuo si calò il berretto in testa e seguì il suo capo.Solo allora realizzai quello che era veramente accaduto.Non era stata una semplice chiaccherata tra gli esponenti del Bilderberg e me.Si trattava di un avvertimento

LA COSPIRAZIONE DI ROCKFELLER E LA TRILATERAL COMMISSION

“Qualunque ne sia stato il prezzo,la Rivoluzione Cinese ha indubbiamente ottenuto dei risultati,non solo nel realizzare una amministrazione dello Stato piu efficiente e rapida,ma anche nel promuovere una società ad alta moralità e con una forte comunione di intenti…L’esperimento sociale avvenuto in Cina sotto la leadership del presidente Mao è uno dei piu importanti e di successo nella storia dell’uomo”

DAVID ROCKFELLER ,1973

“Qualcuno ancora pensa che facciamo parte di una setta segreta che agisce contro i principali interessi degli Stati Uniti,dipingendo me e la mia famiglia come “internazionalisti” e accusandoci di cospirare,con altri soggetti sparsi per il mondo,per costruire una struttura politica ed  economica piu integrata a livello globale; un “mondo unico”,se volete.Bene,se questa è l’accusa,mi dichiaro colpevole,e ne sono fiero”

DAVID ROCKFELLER ,Memorie,pag. 405

RITORNO AL FUTURO

Senza alcun dubbio ,il BILDERBERG CLUB,è la piu importante organizzazione segreta che agisce dietro le quinte degli avvenimenti mondiali,ma anche un gruppo piu piccolo,la TRILATERAL COMMISSION (TC),ha un ruolo molto significativo nel progetto del “nuovo ordine mondiale” ,cioè quello sfruttare la ricchezza concentrata nelle mani di pochi,per estendere il loro controllo sul Pianeta.
Gli individui piu potenti che appartengono alla “Trilateral Commission” condividono tutti una filosofia antinazionalista e operano contro le forze nazionali dei vari Paesi,che cercano di contrastare la loro influenza.
La TRILATERAL COMMISSION viene fondata nel 1973.Il suo finanziatore e principale promotore è stato il finanziere internazionale David Rockfeller,presidente da molto tempo della Chase Manhattan Bank,di proprietà della famiglia Rockfeller.Il giornalista Bill Moyers ha parlato del potere di David Rockfeller nel 1980,in un documentario televisivo,”Il governo segreto”:

“David Rockfeller è il tipico esponente dell’attuale classe dominante,una confraternita multinazionale di uomini che determinano l’economia globale e gestiscono i movimenti dei capitali internazionali…il privato cittadino David Rockfeller gode di privilegi degni di un capo di Stato… Non deve sottostare alle leggi di frontiera e a quelle relative ai passaporti e subisce pochissimi controlli sulla merce che porta in Paesi stranieri”.

La prima riunione della “Trilateral Commission” fu tenuta a Tokyo tra il 21 e il 23 ottobre 1973.Sessantacinque  persone rappresentavano il gruppo dell’America Settentrionale:di queste,35 erano affiliate al “Council on Foreign Affairs”.
La “Trilateral Commission” è divisa in tre gruppi su base geografica-America,Europa e Asia del Pacifico.Il quartier generale americano si trova a Washington,quello europeo a Parigi e quello asiatico a Tokyo.L’annuale riunione di tre giorni del 2006 si è svolta a Tokyo,quella del 2007 a Bruxelles,quella del 2008-dal 25 al 28 aprile-a Washington D.C.
I meeting non sono aperti al pubblico e i media non allineati alla Commissione non vengono accettati.Thomas Foley è stato il presidente del gruppo americano fino a maggio del 2001.Presidente del gruppo europeo è stato per molti anni Peter Sutherland,politico e uomo d’affari internazionale.Presidente del gruppo asiatico è l’uomo d’affari Yotaro Kobayashi.
Citando il sito web della “Trilateral Commission”,ogni gruppo ha un presidente e un vicepresidente,che insieme formano il Comitato Esecutivo.Il Comitato Esecutivo designa i vari membri scegliendoli da una lista di candidati piu ampia”.Si tiene conto della proporzione tra le aree,per la rappresentatività.I membri del Comitato si riuniscono piu volte all’anno,per coordinare i lavori e concordare il programma d’azione.
I membri della Trilateral vengono scelti dal gruppo del Comitato Esecutivo.Di volta in volta,vengono designati circa 350 membri,che restano in carica per tre anni.Solo dando una rapida occhiata alla lista dei candidati,viene eliminato ogni dubbio al riguardo al fatto che gli invitati erano,e sono,membri dell’establishment al potere,selezionati con attenzione e unità di intenti,tra i settori della politica,dell’economia,delle banche e dei mass media.I membri della Commissione sono obbligati a rassegnare le dimissioni,quando entrano in compagini governative,ma,come scrive Arlene Johnson in La vera democrazia,la loro lealtà e la loro ideologia “non cambiano solo perchè vanno a occupare  un ruolo in un governo;la lealtà data alla Commissione,in cambio del suo aiuto per ottenere un ruolo di prestigio,richiede la continuazione di scambi di “favori”;infatti ,prima delle loro elezione o dell’assunzione del nuovo incarico,molti alti funzionari dei vari governi nazionali erano membri della Trilateral.I membri ,inoltre, solitamente ritornano nella Commissione,una volta terminati i loro incarichi pubblici.Tre esperti,che rappresentano i tre gruppi ,sono incaricati di redigere l’annuale “Task Force Report” della “Trilateral Commission”.A volte è necessario un anno, per prepararlo.In “Trilateralismo:la Trilateral Commission e l’elite che progetta il governo mondiale”,Holly Sklar,la famosa editorialista della Knight-Ridder e scrittice,spiega come si formano i task force reports:

“I temi dei progetti vengono scelti dai presidenti,dai vicepresidenti e dai direttori,con il supporto del Comitato Esecutivo e degli altri gruppi; quindi vengono scegli gli autori,a volte membri della Commissione.Gli autori non rientrano nei ruoli che svolgevano all’interno della Commissione,per la durata della stesura dei report.Continuano a ricoprire gli incarichi istituzionali che avevano prima,ma la Commissione fa in modo che non si incontrino con altri membri per tutta la durata del lavoro.I report,infatti,vengono dati alla Commissione,non provengono dalla Commissione.I membri della Commissione sono troppo numerosi per essere informati rapidamente su una serie di temi controversi e,in qualche occasione,un riassunto delle questioni di cui si è discusso nella riunione annuale viene aggiunta ai report,con il dettaglio della discussione,cosi come è avvenuta”.

UNA SOFISTICATA SOVVERSIONE

“Come si può spiegare il rapporto tra la parte settentrionale del mondo,ricca, e i Paesi del Terzo Mondo?”.
Questa è la domanda,che l’editorialista della Knight-Ridder,Holly Sklar, si pone in “The Trilateral and Elite planning for World Management”.Nel 1991,Doug Henwood,econimista ed editore di The Nation’s,ha reso nota la sua risposta in un articolo sul Left Business Observer,un giornale da lui fondato nel 1986:

“Ogni gruppo geografico della Trilateral ha posto sotto il suo controllo una serie di nazioni povere,per avere manodopera,terre e miniere da sfruttare.Gli Stati Uniti hanno preso l’America Latina,la Comunità europea ha l’Europa Orientale e l’Africa Mediterranea,il Giappone invece il Sudest Asiatico.In qualche caso,un Paese è “gestito” da due gruppi.Taiwan e Singapore sono divisi tra Giappone e Stati Uniti,l’Argentina è divisa tra Stati Uniti e Comunità Europea ,la Malesia tra Comunità Europea e Giappone; infine l’India tra tutti e tre.
La strategia di Rockfeller-scrive Will Banyon-svela anche qualcosa di fondamentale nel rapporto tra ricchezza e potere:non conta quanti soldi hai,ma quanto sei in grado di organizzare e gestire queste organizzazioni,che orientano le idee e le politiche delle varie nazioni,lasciando ai rispettivi governi,e ai loro membri,solo responsabilità di facciata”

Scrivendo alla rubrica “Lettere al Direttore” sul New York Times del 20 agosto 1980,David Rockfeller,il presidente della Chase Manhttan Bank,per difendere i principi della “Trilateral Commission” ,ha rilasciato una dichiarazione di questo genere: “La Trilateral Commission” consiste,in realtà,in un gruppo di cittadini,che si riuniscono perchè interessati a creare la maggiore comunità di intenti e cooperazione possibile tra alleati internazionali”.

Questa,però,non è l’impressione che aveva avuto il Senatore degli Stati Uniti Barry Goldwater,che espresse il proprio punto di vista,in modo meno leggero,nel suo libro Senza scuse,nel quale analizzava la situazione in questi termini:”La nuova sette internazionale di David Rockfeller vuole essere il veicolo con il quale consolidare,a livello globale,gli interessi delle multinazionali e delle grandi banche,attraverso il controllo politico degli Stati Uniti”.

Il senatore Jesse Helms,in un discorso tenuto il 15 dicembre 1987 davanti al Senato degli Stati Uniti,andava ancora piu a fondo,affrontando l’aspetto dell’influenza di queste organizzazioni private:

“Questa campagna contro il popolo americano,contro la cultura e i valori tradizionali del popolo americano,è una strategia sistematica di tipo psicologico.E’ orchestrata da una vasta rete di gruppi di pressione,espressione non solo della “Costa Est”,ma anche del radicalismo di sinistra.Tra di loro,possiamo citare il Dipartimento di Stato,quello del Commercio,le banche centrali ,le multinazionali ,i mass media, l’establishment della cultura ,l’industria dell’intrattenimento e le maggiori organizzazioni no-profit.Signor Presidente,un attento esame di ciò che sta accadendo dietro le quinte degli avvenimenti mondiali,rivela che tutti questi gruppi di potere stanno lavorando per creare quello che alcuni chiamano il “nuovo ordine mondiale”.Le organizzazioni private,come il “Council on Foreign Realtions” ,la “Dartmouth Conference” , L’Aspen Institute for Humanistic Studies” ,l’Atlantic Insitute e il Bilderberg Group” servono a diffondere e a coordinare i piani di questo “nuovo ordine mondiale”,nei settori vitali degli affari,della finanza,della cultura e dell’amministrazione…L’influenza dei loro membri  all’interno del nostro establishment politico sta diventando un dato di fatto,nella nostra realtà quotidiana.Questa influenza cosi forte lavora,a lungo termine,contro la sicurezza della nostra nazione.Rappresenta un’ingerenza che,se non controllata,potrebbe,in ultima analisi,sovvertire il nostro ordine costituzionale”.
Non è interessante? Questa è esattamente la conclusione alla quale è giunto Antony Sutton,che in Trilateral Observer scrive: “I membri della “Trilateral Commission” hanno rifiutato la Costituzione americana e il processo politico democratico”.
Goldwater conclude Senza scuse,con questa frase: “Quello che i membri della “Trilateral Commission” vogliono,in realtà ,è creare un potere economico mondiale superiore a quello politico dei singoli governi nazionali…in qualità di organizzatori e gestori di questo potere,vogliono governare il futuro”.
Questi critici stavano mettendo in guardia da quello che stava accadendo negli anni 70′ e 80′ e si ispirava alla politica imperialista,portata avanti da George Ball-il Sottosegretario di Stato per le questioni economiche sia sotto J.F Kennedy che sotto Lyndon Johnson-e presentata alla riunione del Bilderberg tenutasi a Mont Tremblant (Canada) nel 1968.Come venne fatto notare successivamente,Ball faceva partire il suo ragionamento da una domanda:”Come possono,le leadership delle multinazionali,trovare legittimazione al proprio potere di prendere decisioni,che avranno pesanti effetti sulla vita economica di intere nazioni,delle quali i governi eletti dal popolo hanno solamente limitate responsabilità?”.
L’unica risposta che può venire in mente è che organizzano una crisi,che unisca le nazioni “libere” in una comunione di intenti contro un pericolo mondiale,sia esso economico,politico e terroristico.Questa è proprio la direzione che hanno assunto le politiche della Trilateral.
I metodi sono evidenziati in un “ingenuo” documento del 1974,”La crisi della democrazia”,scritto da Samuel Huntington (politologo di Harvard) ,da Michel Crozier (un sociologo francese,membro della Accademie des sciences morales et politiques) e da Joji Watanuki (membro giapponese della Trilateral).Il loro scritto sottolineava “il bisogno di instaurare un dialogo tra il Dipartimento di Stato e le multinazionali;il primo eserciterà pressione sui Paesi sviluppati,affinchè adottino legislazioni liberiste e contrarie ai nazionalismi;le seconde forniranno al Dipartimento di Stato le loro conoscenze sui Paesi in cui operano”.
Il documento ,inoltre,afferma che una repubblica democratica “è l’unica via per imporre l’autorità,ma non necessariamente è  applicabile in tutti i suoi aspetti…E’ auspicabile porre dei limiti a un’estensione troppo ampia della politica democratica…Un buon governo dovrà avere la capacità di prospettare una crisi clamorosa,in modo da poter richiedere ai propri cittadini dei sacrifici per poterla fronteggiare… In diverse situazioni,l’esperienza,la maturità e i talenti particolari dovranno superare il valore della democrazia,al fine di imporre l’autorità…Gli scenari in cui si possono adottare le procedure democratiche sono,in poche parole,limitati”.
Sembra piuttosto repressiva,come visione,no?

IL SISTEMA DEL MONOPOLIO

“Da nessuna parte” ,scrive Gary allen nel capitolo 9 di Rockfeller File, “troviamo progetti (della Trilateral Commission”) a favore della libera impresa individuale o delle libertà dei singoli individui”.
Questa totale avversione contro la libera impresa e le libertà individuali sembra un’assurdità.Come può,il marxismo,che prevede un sistema sociale ed economico basato sull’uguaglianza ,affascinare David Rockfeller e gli altri membri della Trilateral Commission?
Rockfeller non è solo ricco,ma ha anche un’ottima istruzione.Conosce benissimo il fallimento del marxismo,nella forma del comunismo storico,come si è realizzato durante il XX secolo sotto la dittatura di Stalin,durante la quale si stima che siano stati massacrati 100 milioni di persone e reso schiavo piu di un miliardo di individui.
Come si può concepire l’idea che un capitalista sposi il marxismo,o ogni forma di ideologia comunista/socialista? La ragione di tale apparente assurdità risiede nella corretta interpretazione di questi termini.
A scuola,impariamo che il capitalismo si basa sulla libertà di impresa.I capitalisti sono ricchi imprenditori,persone che entrano nel mondo degli affari per fare soldi e che ottengono profitto per investirli in ulteriori affari,che a loro volta creeranno nuovi posti di lavoro,quindi piu ricchezza e una qualità della vita migliore per tutti.I beni e i servizi prodotti sono il risultato della somma dell’immaginazione e della capacità di innovazione dei singoli che collaborano all’impresa.”Tutto quello che la mente concepisce,lo si può realizzare”.Viene esaltato il proprio lavoro individuale,i propri affari,la propria ricchezza.Tutto quello che l’individuo riesce a guadagnare,può tenerlo per sè e spenderlo come meglio crede.Il benessere del singolo genera la ricchezza dello Stato,attraverso il sistema di tassazione.
Questo non è quello che pensano i marxisti,almeno per ciò che definiamo marxismo.Tutto appartiene allo Stato,niente all’individuo.Sotto il marxismo,il comunismo o i sistemi socialisti,la proprietà privata è proibita.Un solo partito politico controlla la gestione della vita economica dell’intera nazione,attraverso la quale la gente riceve un’uguale distribuzione di beni e di proprietà.Non vi sono incentivi a eccellere nel proprio lavoro o a introdurre nuovi metodi di lavoro per migliorare la produttività,in quanto non sono previsti riconoscimenti per i soggetti piu meritevoli.
Perchè,quindi, qualcuno dovrebbe seriamente concepire l’apparente contraddizione nel fatto che banchieri del calibro dei Rockfeller,dei Morgan e dei Rothschild finanzino e sostengano la rivoluzione comunista, “anticapitalista e dei senza Dio”? Come potrebbe,l’Occidente ,il paradiso del capitalismo e delle libertà ,trarre beneficio da tale rivoluzione?

La realtà è che i membri dell’establishment operante attraverso organizzazioni “private”,come il Bilderberg,il CFR e la “Trilateral Commission”,hanno capito che il socialismo rappresenta il miglior sistema di controllo sociale e hanno capito anche la sua psicologia di fondo meglio di quanto abbiano mai fatto i marxisti.Questo è dimostrato del fatto che i loro membri hanno fatto passare,tramite il Congresso,dei programmi di welfare e di regolamentazione,tipici dei Paesi socialisti.Il socialismo,per loro,non è un sistema di redistribuzione della ricchezza,dai ricchi ai poveri:in realtà,lo considerano un metodo per ottenere sempre maggiore concentrazione di potere e di controllo.Per esempio,elargendo generose donazioni alle nazioni del Terzo Mondo per aiutarle a sviluppare le loro economie,le banche centrali occidentali attualmente ottengono elevati profitti e un forte potere di controllo internazionale.

SACRIFICARE UNA NAZIONE

Mentre molte biografie-incluse l’autobiografia Memorie-descrivono l’illimitato potere economico e politico di Rockfeller e l’enorme ricchezza di famiglia come spesi per combattere la fame nei Paesi del Terzo Mondo e per istruire la povera gente,attraverso una miriade di fondazioni e organizzazioni benefiche,o per costruire infrastrutture nei Paesi sottosviluppati o devastati dalle guerre,sono poche quelle che puntano l’accento sul principale aspetto delle attività di famiglia:distruggere gli Stati Uniti come nazione indipendente ,per stabilire,il prima possibile,il “nuovo ordine mondiale”.
Senza un evidente e credibile pericolo,nessun popolo rinuncerebbe spontaneamente ai propri diritti individuali e alla propria libertà.Il Bilderberg,il CFR e la Trilateral sanno benissimo che devono creare una valida ragione,per convincere la gente ad accettare il piano del “nuovo ordine mondiale”.Per questo,ogni giorno aumentano il livello della loro retorica.
Il sito web della “Trilateral Commission” ,per esempio, parla esplicitamente di “condividere le responsabilità di guida” e invoca “una cooperazione piu stretta” e una “comprensione reciproca piu profonda”. Come si può capire,il senso di questi termini muta a seconda di come la maggioranza della gente li interpreta.

Come risultato,i ricchi si sono arricchiti sempre di più,vi sono sempre piu poveri e la classe media sta scomparendo.Questo è il prezzo che la rete di “speculatori internazionali”ha preteso,alle nostre spalle.Hanno sacrificato i nostri sogni,la nostra indipendenza  e la nostra autosufficienza sull’altare del “nuovo ordine mondiale”.
Come può,quindi,una persona qualunque fare qualcosa,per opporsi a questa macchina mostruosa,che si espande in modo sempre piu invadente e potente,come un polipo i cui tentacoli avvolgono e stritolano tutto ciò che gli passa  vicino?
I nostri leader politici,militari e finanziari sono ancora responsabili per le loro azioni.Fate contare il vostro voto.Torniamo indietro all’originale democrazia di Abramo Lincoln:un governo del popolo ,formato dal popolo e per il popolo.L’unica cosa che spaventa questa potente “setta” di aristrocratici finanziari è una rivolta popolare,perchè sono stati le menti della piu devastante rivoluzione della storia dell’umanità.Ma non tutte le rivoluzioni devono essere violente:c’è un incredibile potere,in un “NO”,se pronunciato da una calma,ma decisa e collettiva voce.
Quello che Edwin H. Chapin disse nel XIX secolo è ancora valido oggi: “Nessun esercito ,nessuna nazione ha fatto sviluppare l’umanità; ma qua e là,nel corso delle epoche,un individuo si è alzato in piedi e ha lasciato la sua impronta sul mondo”.

           

Il Club Bilderberg e The Commission Trilateralultima modifica: 2010-02-23T18:10:55+01:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo