Il caso Watergate-3

Giovedi scorso Michele Santoro al Paladozza di Bologna ha tirato fuori il caso Watergate per esaltare la democrazia americana.I limiti del conduttore e dei suoi ospiti li conosciamo perchè dire che gli Usa sono un Paese serio è da ignoranti oppure in malafede per dar contro qualcuno (non bisogno che ripeta chi è).Questa è la versione migliore che Daniel Estullin ci spiega nel suo meraviglioso libro.

per leggere la seconda parte del Caso Watergate,venite sul mio blog www.anglotedesco.splinder.com

da IL CLUB BILDERBERG -Daniel Estullin(Arianna editore)

IL CASO WATERGATE

Haig mise,nei cento incarichi piu importanti di Wasghington,persone della “Brooking Institution”,oppure dell’Istitute for Policy Studies” (IPS) o del “Council for Foreign Relations”:uomini fedeli ai piani che “il nuovo ordine mondiale” ,voluto dal Bilderberg,aveva in mente per gli Stati Uniti d’America.
Secondo le fonti di Coleman nell’intelligence,durante la primavera  del 1970 William McDermott,dell’FBI,incontrò il capo della sicurezza della “RAND Corporation” di Santa Monica,in California,per avvertirlo che Daniel Ellsberg era sospettato,dall’Esercito degli Stati Uniti,di avere rubato dei documenti di studio della Rand sul Vietnam e di averli copiati,prima di riportarli negli uffici della compagnia.La RAND è una organizzazione no-profit,creata per favorire la formulazione di piani militari grazie a progetti di ricerca e svilippo:inoltre è collegabile alla “U.S Brainswashing Institution”,a causa dei suoi esperimenti sui metodi per il controllo sociale e le risposte psicologiche allo stress.Nel successivo incontro con il direttore della RAND,il dottor Henry Rowan,McDermott fu messo a conoscenza da quest’ultimo che era già in corso un’indagine del Dipartimento della  Difesa (DOD).In seguito alle rassicurazione di Rowan,l’FBI interruppe le indagini su Ellsberg.L’FBI però non sapeva che Ellsberg era il migliore amico di Rowan,e Coleman scopri che “non c’era alcuna indagine in corso,nè il DOD ne  avrebbe mai condotta una.Ellsberg mantenne il suo lavoro nella Sicurezza e continuò tranquillamente a rimuovere e fotocopiare documenti riservati,relativi alla guerra del Vietnam,mostrandoli durante il caso dei “documenti del Pentagono”,che scosse l’amministrazione Nixon fin dalle sue fondamenta”.
In seguito ,la Commissione per l’Energia Nucleare”,creata da Nixon,fu smantellata e il suo presidente ,James Schlesinger,tornò al suo incarico presso il Ministero della Difesa.
Sarebbe  stato Schlesinger,a richiedere a tutti i comandi militari di non rispondere ad alcun ordine proveniente dalla Casa Bianca,prima che si concludesse la procedura di impeachment del Presidente,voluta dai Repubblicani.Invece di Nixon fu una lezione e un avvertimento per tutti i futuri presidenti degli Stati Uniti,affinchè non pensassero di poter decidere i piani o provare a manipolare il “governo ombra mondiale” e farla franca.
Piu precisamente,il collasso della presidenza Nixon fece coincidere il ritiro delle forze armate americane dal Vietnam e la deindustrializzazione del Paese,con la firma dell'”Accordo Generale sulle tariffe e sul Commercio” (il GATT),al quale Nixon si era fermamente opposto:due risultati che vanno perfettamente nella direzione della strategia della società industriale “a crescita zero” ,voluta dal Bilderberg Group.
John Coleman,ne LA CERCHIA DEI COSPIRATORI,aggiunge che “fin da questo inizio,possiamo individuare il piano della recessione/depressione del 1991 che…costò il posto di lavoro a 30 milioni di americani”.

Il caso Watergate-3ultima modifica: 2010-03-31T18:59:25+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo