DEFAULT GRECIA-lettere prese da libero

Stamattina ho preso tre lettere che secondo me sono interessanti sul problema del debito in Grecia. Sopratutto l’ultima scritta da un lettore greco,la trovo la migliore.

da LIBERO del 29/04/2010

UN FALLIMENTO PREVEDIBILE

Le ragioni del default greco sono le stesse che hanno portato l’Argentina al collasso.Nel 1992 Carlos Menem decise di imporre la dollarizzazione del paese.Un dollaro uguale un peso argentino fisso,stabilito per legge.Il sistema è andato avanti per un decennio,poi è saltato tutto per aria.Un decennio, sarà un caso,è lo stesso tempo impiegato dalla Grecia per trovarsi nelle grane da quando ha adottato l’euro,non poteva essere altrimenti:quando si impone una valuta forte a un’economia debole la naturale conseguenza è di ritrovarsi con un crollo delle esportazioni causato da prodotti che non possono piu essere in alcun modo concorrenziali.L’aver imposto una valuta che non era altro che i 2 marchi tedeschi cambiati di nome,assieme all’apertura indiscriminata delle frontiere europee ai prodotti cinesi,è la causa principale del crollo delle economie del sud Europa.La Grecia per millenni ha convissuto pacificamente con la dracma,ma allora avevamo la fortuna di non avere banchieri o economisti a sabotare il paese.

ANDREA BUCCI (Torino)

GIUSTO PRETENDERE PIU RIGORE

Certamente l’Unione Europea dovrà intervenire in favore della Grecia per la sua grave crisi finanziaria,cosi come è  pronto a fare il nostro governo con uno stanziamento di cinque miliardi di euro.Ma credo che qui la commissione europea non può condividere e far adottare,agli organi preposti,la linea indicata dalla Germania,onorevole esempio globale in fatto di serietà e disciplina gestionale.Quindi aiutare si,ma dopo accurata erifica dell’accaduto,punizione dei responsabili e immediata introduzione,da parte del governo greco,di nuove e rigorose regole.

GIUSEPPE FORASTIERO (Potenza)

I VERI RESPONSABILI

Il sistema della moneta unica sta scricchiolando e chi l’ha voluta a tutti i costi ,tace.Tacciono quei politici che fecero di tutto per far entrare anche i piu deboli nell’euro e si inventarono la famosa euro tassa,senza la quale l’Italia non ce l’avrebbe fatta.
Sono loro che vollero a tutti i costi la Grecia nel gruppo di quelli che sono entrati nell’euro sin dal primo giorno,scartando l’ipotesi di un ingresso in un secondo momento.Chi ha permesso tutto questo è un personaggio che è stato presidente del consiglio italiano e che da sempre è uomo della Goldman Sachs la piu potente banca d’affari del mondo,quella che di recente è stata messa sotto inchiesta per aver taroccato i conti sul bilancio per arricchirsi ancora di più alle spalle degli investitori.

GIORGIOS PSOFOSKILY- Faskatalae (Grecia)

DEFAULT GRECIA-lettere prese da liberoultima modifica: 2010-04-29T16:37:00+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo