CENSURA 2010

Con qualche settimana d’anticipo è uscito CENSURA 2010,un libro straordinario che raccoglie tutte le notizie censurate dalla straordinaria stampa americana che qualcuno ha il coraggio di difendere ,rincoglionendo le persone già ignoranti di natura.Da oggi su Anglotedesco sarà possibile leggere i pezzi piu importanti,ci vorrà un pò di pazienza perchè selezionare non è facile ,ma vi consiglio di passare  di qui il piu possibile.Questa edizione è ancora piu interessante, un pò per il cambio di presidenza ma anche per quello che è successo nel settembre 2008 :la piu grossa crisi finanziaria della storia.Quello che è stato nascosto ai cittadini è semplicemente vergognoso,altro che andare in giro (a pagamento) a raccontare che i Fede e i Vespa esistono solo in Italia.E poi le buffonate di Obama con il suo sorrisino falso. Questo libro, con qualche intervallo,vi terrà compagnia per tutta l’estate.

Riporto pezzi di introduzione dell’ottimo giornalista indipendente,Dahr Jamail.

 da CENSURA 2010-Peter Phillips e Project Censored (Nuovi Mondi)

INTRODUZIONE di Dahr Jamail

Non fatevi trarre in inganno:l’impero americano è in declino.Abbiamo sotto gli occhi una bestia sazia e sgraziata,ebbra della sua stessa propaganda che ne predica la superiorità morale-spirituale-militare ,sociale e materiale:una bestia che sta precipitando nell’abbisso.
Il nostro paese si è imposto come leader indiscusso tanto nell’ambito dei cambiamenti climatici catastrofici quanto in quello dello sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali ,del tracollo economico planetario e degli incidenti militari all’interno di stati sovrani.
Nonostante le promesse di “cambiamento” e di “ritiro delle truppe” fatte dall’amministrazione Obama,l’Iraq è ancora una nazione occupa in cui si trovano oltre 130.000 soldati statunitensi e piu di 200.000 mercenari delle agenzie private.Durante la mia ultima visita nel paese,nel 2009, l’unico cambiamento degno di nota che ho potuto osservare coi miei occhi è stato un peggioramento cosi spaventoso delle condizioni di vita da rendere superfluo l’uso dei superlativi.Per quanto possa sembrare impossibile ora in Iraq ci sono meno elettricità,meno acqua potabile e meno posti di lavoro che in tutto il resto della sua storia;il sistema sanitario-che era già ridotto all’osso- ha subito un ulteriore tracollo e il numero delle vittime irachene provocate dall’invasione e dall’occupazione capeggiata dagli USA ha superato di gran lunga il milione.

Gli organi di stampa monopolistici,decisi a distorcere la realtà,affermano esattamente il contrario:le cose in Iraq vanno molto meglio di prima, e Obama è pronto a rimpatriare le truppe.Il compito di concilliare tutto ciò con i progetti della nuova amministrazione,che mira a mantenere tra i 50.000 e i 70.000 soldati in Iraq almeni fino alla fine del primo mandato (nel 2013) ,viene lasciato agli ingenui fruitori di tali notizie.
Gran parte del resto del mondo considera Israele il principale stato terrorista del Medio Oriente,e ha ragione.Si tratta dell’unica potenza che dispone di armi nucleari e che,stando a quanto sancisce la sua stessa costituzione,non ha confini-forse per giustificare la penetrazione incessante e progressiva nei territori palestinesi?
Alla fine del 2008,Israele ha sferrato un attacco militare contro la popolazione di Gaza,ordinando  ai soldati di sparare a donne e bambini,praticamente a qualunque cosa si muovesse.Il supporto aereo all’offensiva è stato fornito da aerei da combattimento F-16 di fabbricazione americana,che hanno sganciato ordigni incendiari al fosforo bianco sulla popolazione civile.Il pacchetto di aiuti comprendeva anche elicotteri Pache, missili,carburante per i jet e bombe a grappolo,tutti elargiti in abbondanza alla poploazione di Gaza mentre Barack Obama,in procinto in insediarsi come presidente,rimaneva in silenzio.Il mondo guardava con orrore;i media americani nel frattempo hanno rivolto lo sguardo altrove,salvo difendere con deferenza il “diritto di autodifesa” di Israele.
Nel 2008,alcuni gruppi animati da interessi speciali hanno elargito ai lobbisti di Washington qualcosa come 3,2 miliardi di dollari,la cifra piu alta di sempre.Successivamente,nello stesso anno,gli insediamenti israeliani in Cisgiordania,spalleggiati dagli Usa,sono raddoppiati.

Israele possidede almeno 200 testate nucleari militari,mentre l’Iran dovrà lavorare anni prima di poterne ottenere una soltanto.Eppure la prospettiva terrificante ancora prima di poterne ottenere una soltanto.Eppure la prospettiva terrificante di un’altra guerra in Medio Oriente dipende dalla “minaccia” che l’Iran costituisce per Israele e dunque,implicitamente,anche per gli Usa.
Questo è ciò di cui i grandi media ci stanno convincendo.Coloro che si aspettavano un cambiamento nella politica estera nazionale nel momento in cui è cambiato l’occupante della Casa Bianca farebbero bene a guardare in faccia la realtà.E’ il caso di tenere a mente che l’amministrazione democratica del presidente Barack Obama e un congresso controllato dai “democratici” stanno lavorando nel solco delle stesse politiche dell’amministrazione Bush,che hanno mandato in bancarotta gli  Usa sul piano economico,morale ,militare e spirituale.
Vengono alla mente due vecchi adagi popolari particolarmente calzanti:”Che cosa vogliono tutti gli uomini che hanno il potere?Altro potere”; e “Quanto potere ci basta? Ancora un altro po”.Non ci sono dubbi:il nostro governo è ancora pilotato da due gemelli siamesi,le imprese a Wall Street.I legislatori federali incaricati di regolamentare l’alta finanza statunitense hanno ricevuto ,dal 2001,64,2 milioni di dollari.
Tra i donatori figurano banche d’investimento come Merrill Lynch-Morgan Stanley-American International Group (AIG)-Bear Stearns e Goldman Sachs.

L’ex economista capo del Fondo monetario internazionale (FMI),Simon Johnson,ha dichiarato succintamente: “L’industria della finanza ha imbrigliato in modo efficace il nostro governo”.Avidità,potere e ingordigia guidano la politica interna ed estera degli Usa.Siamo governati da un ibrido malato di capitalismo,impresa e militarismo che sta letteralmente consumando e bruciando il pianeta.

CENSURA 2010ultima modifica: 2010-06-23T20:07:20+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo