Spieghiamo a Marco Travaglio e ai suoi colleghi cos’è il vero potere (1 parte)

In questi giorni girando nelle varie librerie e leggendo anche i libri che mi hanno regalato ho notato che tra i piu venduti ci sono quelli dei copia/incolla di Marco Travaglio ,quello su Vittorio Feltri o Metastasi di Gianluigi Nuzzi.Nessuno di questi tre ovviamente parla del vero potere. Oltre a LA DITTATURA EUROPEA di Ida magli anche Euroschiavi (scritto nel 2005 ma che è giunto alla Terza edizione) è molto utile per far capire di cosa dobbiamo preoccuparci veramente. Io pubblicherò i pezzi piu importanti invitando la gente a smetterla di vivere solo dei libri di questi “paladini della controinformazione”. Ci invitano ad ammirare un paese bastardo come gli Usa che ha fatto strada grazie alla prepotenza  rubando ricchezza ai paesi deboli costringendoli alla povertà nonostante le mille risorse. In questo pezzo ad esempio ci spiega l’inutile guerra in Iraq che con le stronzate delle armi di distruzione di massa in realtà sono andati la (come sempre) per interessi economici. 

da  EUROSCHIAVI- Marco Della Luna e Antonio Miclavez (Arianna Editrice)

Il sistema bancario privato, le cosidette “Autorità Monetarie”,usano il potere monetario,e precisamente il potere di (aumentare o) ridurre la quantità di denaro disponibile all’economia,al fine di creare e mantenere recessioni economiche,con cui ricattano governi e parlamenti per ottenere riforme legali e sociali nel proprio interesse e per affermare la propria autonomia sulle istituzioni pubbliche,come è avvenuto con la Banca Centrale Europea e il Trattato di Maastricht,ma anche in Giappone,attraverso una brusca e profonda recessione decisa dal Governatore della Banca Centrale e portata avanti per un decennio,fino alla capitolazione del Parlamento,dei sindacati e della società tutta e all’attuazione delle riforme “liberiste” volute dai banchieri.E come è avvenuto con l’invasione dell’Iraq-un atto essenzialmente di imperialismo monetario a sostegno del Dollaro,inizialmente giustificato con menzogne su inesistenti armi di distruzione di massa e non meno falsi collegamenti con Al-Qaida.I governanti americani,infatti, oltre a ottenere un immediato rincaro del petrolio (quindi un aumento della domanda di Dollari per comperarlo) ,poco dopo l’occupazione hanno costituito una banca centrale di emissione irakena,e le hanno imposto di coprire al 100% con Dollari l’emissione della moneta nazionale irakena.Il che comporta che l’Iraq deve forzatamente procurarsi Dollari,ossia pezzi di carta non coperti da alcunchè e superinflazionati (30.000 miliardi di credit derivates in dollari nel mondo,secondo MF del 2 febbraio 2007),e per farlo deve cedere in cambio il suo petrolio.L’establishment americano può così continuare a comperare beni e risorse nel mondo dando in cambio la sua carta stampata.Questo è un signoraggio monetario internazionale imposto con la forza delle armi.

La globalizzazione,con le sue liberalizzazioni,è l’opposto del processo di decentramento ed eguagliamento orizzontale delle opportunità per cui viene spacciata,è la centralizzazione verticistica,informatico-monetaria,del controllo dei comportamenti collettivi e individuali,economici e cultutali.Una centralizzazione in cui il potere,a differenza del collettivismo sovietico,si concentra non nello Stato o nel Partito,ossia nelle mani di un soggetto visibile e che si assume le responsabilità del governo,bensì nelle mani di organismi finanziari privati,come il FMI,il WTO,la FED e la BCE,che dirigono da sopra i governi e le economie,ma non si assumono alcuna responsabilità politica,morale o giuridica verso i popoli governati,parlamenti e ai partiti politici,dietro cui si nascondono,e il cui ruolo è quello di teste di legno,di produttori di indebitamento e di esattori delle tasse.
I misteriosi e fraudolenti meccanismi contabili internazionali,grazie al cui principio contabile il sistema bancario,nei suoi bilanci,può far sparire l’enorme rendita da signoraggio (sulla moneta contante e su quella virtuale) che esso preleva alla ignara società,all’economia,al lavoro,e che in Italia ammonta a circa 700 miliardi di Euro l’anno,ossia circa la metà del prodotto interno lordo.Questo prelievo è ciò in cui è sparito il potere d’acquisto degli italiani nel passaggio all’Euro;è ciò in cui va a finire metà del loro lavoro,dei loro risparmi,dei loro investimenti.E’ la causa di una crescente ,clamorosa,sfacciata,talora improvvisa e inspiegabile ricchezza per pochi-e di una sempre crescente povertà per molti, di fallimenti-disoccupuazione,ipertassazione,mancato sviluppo.
Il potere si nasconde dietro maschere di democrazia,si espone meno (quindi abusa di piu),si sposta in organismi privati,al di sopra dei confini nazionali,e si assicura profitti maggiori e piu stabili sopratutto mediante monopoli,oligopoli e cartelli privati,che costituisce per se stesso abusando dei poteri pubblici.
Hanno concesso al popolo la democrazia nella gestione dello Stato ad altre organizzazioni.Si servono di parlamenti o governi elettivi “democratici”,di cui condizionano l’elezione e la permanenza attraverso la finanza e i mass media di loro proprietà.Grazie a ciò possono permettersi operazioni molto piu ardite e traumatiche per le nazioni ,nel perseguire i propri interessi.Senza piu arrischiare i propri regni,possono orchestrare guerre,inflazioni e recessioni,che lasciano gli Stati sempre piu indebitati,quindi dipendenti,verso il sistema bancario.
Questo pare essere il nuovo modello di “cittadino” per il terzo millennio:un elemento passivo e indifeso di un ciclo di produzione e perpetuazione della ricchezza e del potere altrui,un puro need taker e price taker (ossia un soggetto che subisce l’imposizione di nuovi bisogni e di prezzi che non può contrattare-come quello dei carburanti),governato ,da un lato,attraverso l’induzione di bisogni e costi artificiali imposti per legge (e con l’immersione in una realtà costruita mediaticamente grazie all’oligopolio degli information media, di cui l’85% è proprietà di 8 multinazionali),ed esposto,dall’altro lato, come lavoratore (sia autonomo che dipendente) a un regime di precarietà e competizione selvaggia;come risparmiatore,alle frodi finanziarie e al saccheggio fiscale;come pensionato e infermo,alla falcidia dello stato sociale…
Una parte sempre minore del reddito viene spesa in cambio di qualcosa (beni e servizi),mentre una parte sempre crescente deve essere ceduta in cambio di niente,ossia per pagare interessi su prestiti in realtà mai erogati (come si spiegherà) e su debiti,pubblici e privati,che sono nulli perchè contrari alla legge e alla Costituzione,sempre in cambio di niente;o per pagare rendite di posizione,come sovrapprezzi sempre piu esosi,imposti da oligopolisti e monopolisti quali l’Opec o i gestori delle autostrade.
Il General Agreement on Trade in Services (GATS,”Accordo generale sul commercio di servizi) ,un trattato dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (World Trade Organization,WTO) entrato in vigore nel 1995 parallelamente al GATT (l’accordo per l’abbattimento dei dazi) e sottoscritto anche dall’Italia,senza ovviamente alcun dibattito democratico,vincola gli Stati aderenti a privatizzare il settore dei servizi pubblici e li spoglia della sovranità in questa materia.Ci ritroviamo cittadini di Stati che non contano piu nulla,svuotati di poteri,funzioni,autonomia.Incapaci,assolutamente incapaci,di proteggere i diritti dell’uomo contro la logica del profitto.

Spieghiamo a Marco Travaglio e ai suoi colleghi cos’è il vero potere (1 parte)ultima modifica: 2010-12-29T16:39:58+01:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo