Dedicato ai tifosi di Barack Obama (5 parte)

Ho saputo questa mattina che presto (in Usa è gia uscito) uscirà il libro dal titolo:Where’s the birth certificate? Dov’è il certificato di nascita?  E’ scritto da Jerome Corsi che ,come tanti altri, chiede di verificare il certificato di nascita di Barack Obama per vedere se è effettivamente nato negli Usa. E’ probabile che lo compri anche se quello che aspetto con ansia è Censura 2011.ieri sera per l’ennesima volta Michele Santoro ,nella sua anteprima mentre mandava in onda un filmato dove Berlusconi si lascia andare a stupidaggini, il paladino tira fuori per l’ennesima volta il modo di far giornalismo in certi paesi, compreso gli Usa.Consiglio anche lui di comprare questo libro anche se poi non ammetterà mai certe cose.

Certificato di nascita o no, Obama sta fallendo alla grande.Secondo un istituto di ricerca di pace internazionale di Stoccolma, già nel 2009 gli Usa con questo presidente hanno raggiunto il 43% della spesa militare mondiale.E quest’anno hanno aumentato di 150-200 miliardi di dollari le spese per gli armamenti. La piu alta dal 1945. Ma ci rendiamo conto quant’è bugiardo quest’uomo? Cosa aveva promesso? Si fa vedere in braccio con i bimbi africani ma lo sa già solo con 200 miliardi di dollari quante vite salverebbe in quel continente? I soliti ignoranti si divertono a dare del razzista a chi fa notare queste cose.

da LA CASTA AMERICANA-di John R. MacArthur (Casini Editore)

Hassan Nemazee,il presidente della raccolta fondi per la campagna presidenziale di Hilary Clinton che aveva reindirizzato il proprio sostegno verso Obama,è stato accusato di presunta frode per centinaia di milioni di dollari ai danni della Citibank,della Bank of America e della HSBC.Preet Bharara,Assistente Procuratore nello Stato di New York,ha spiegato che:”per oltre dieci anni, Hassan Nemazee ha mostrato un’immagine di ricchezza rubando piu di 290 milioni di dollari e permettendosi uno stile di vita lussuoso,per giocare il ruolo del peso massimo nella raccolta fondi oer le attività politiche”.Tuttora,nessuna autorità di controllo incaricata dell’applicazione e del rispetto delle leggi è ancora pronta per accusare la casta politica americana e i suoi facoltosi mecenati di furto della democrazia ai danni dei già vessati cittadini.Dei tanti discorsi pubblici tenuti da Obama durante il suo primo anno alla presidenza degli Stati Uniti,il piu importante è stato senz’altro quello del 20 ottobre 2009 al Mandarin Oriental Hotel di New York di fronte a una platea di 200 sovvenzionatori (circa un terzo dei quali impiegato presso società di Wall Street),in cui ciascun partecipante ha offerto la cifra massima consentita di 30.400 dollari per il solo privilegio di ascoltare le parole del neopresidente.Obama ha ringraziato le personalità illustri presenti in sala per aver “dato sostegno a una persona in cui nessuno aveva mai sentito parlare prima e ha sottolineato che “non c’è giorno che io non pensi a tutta la gratitudine che provo per il grandissimo privilegio che mi è stato concesso: gratitudine verso tutti gli americani e verso tutti coloro che hanno risposto le loro speranze in una causa che non era solo quella di vincere le elezioni,ma di cambiare il Paese”.
Ho fatto due calcoli:un discorso pubblico,6 milioni di dollari.Mai nessun politico americano, a quanto pare,ha pronunciato cosi tante parole sul “cambiamento” e fatto cosi poco per metterle in pratica.

Dedicato ai tifosi di Barack Obama (5 parte)ultima modifica: 2011-04-22T15:41:55+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo