Il neoliberismo è il male incurabile del mondo (1 parte)

“Una stampa da una parte troppo fusa con la politica,tesa per lo piu ad eccitare le rispettive tifoserie,e dall’altra troppo antagonista,eccitante al disfattismo…”.  Questo ha detto Angelo Bagnasco ieri alla 63esima assemblea della CEI.  Sicuramente ha ragione, il problema è la mediocrità di questa stampa  serva non solo dei politici ma anche dei grandi gruppi di potere come le banche e multinazionali. Per fortuna esiste internet e blogger come me e tanti altri che si documentano con i libri e che inseriscono i pezzi piu importanti.Purtroppo però siamo ancora in pochi e dobbiamo fare meglio.

Uno degli argomenti piu scomodi è il neoliberismo che, dati alla mano, fa molti piu danni del nazifascismo ma quasi nessuno in tv o sui giornali ha il coraggio di ammetterlo anche perchè molti moralisti sono sostenitori di questo mercato senza regole, profitti senza regole, che  ogni giorno fanno morire di fame o di malattie 100.000 persone o che circa 12 milioni di ragazzini sotto i 14 anni ,lavorano nell’industrie delle grandi multinazionali ,per pochissimi centesimi l’ora.

da LA PRIVATIZZAZIONE DEL MONDO-Jean Ziegler (Il Saggiatore Tascabili)

LA SPERANZA:UNA NUOVA SOCIETA’ CIVILE PLANETARIA

La sera era soffocante sulle river del Niger durante la stagione delle piogge del 2001. Il cielo era pesante e nero.Attraversando un grande ponte lontano,gli ultimi camion si dirigevano verso sud e verso la costa atlantica.Le luci dei loro fari scivolavano sui flutti scuri del fiume.D.B era appena rientrato dal Tenerè ,dove aveva girato un film sulla vita,i costumi e le migrazioni dei tuareg e aveva potuto vedere con i propri occhi le devastazioni provocate,tra le mandrie di cammelli e di capre,dalla soppressione dell’Ufficio veterinario nazionale per ordine del FMI,l’angoscie e la disperazione degli allevatori,la miseria delle loro famiglie.
Gli riferìì le mie conversazioni con il Djermakoi di Dosso,re dei djerma,e con il primo ministro, le loro preoccupazioni,la loro impotenza davanti all’arroganza dei mercenari della Banca mondiale.D’un tratto D.B mi interruppe: “Ci sarà un giorno un tribunale di Norimberga per quella gente?
“I nazisti ,i fascisti di ogni genere,malgrado i loro crimini mostruosi,hanno sempre colpito gruppi umani determinati,negando l’umanità di quei gruppi ,di quelle etnie,e distruggendoli attraverso il genocidio”.
D.B aggiunse: “Il neoliberismo,invece,colpisce l’umanità intera.Tra qualche decennio gli uomini che oggi governano il pianeta dovranno renderne conto”.
I signori, i predatori, rifiutano di prendere in considerazione la miseria del Brasile o della Corea del Nord, la corruzione in Cina, l’avanzare del deserto in Africa,la lotta delle donne e dei giovani in Palestina, la mobilitazione dei salariati occidentali per la salvaguardia dei servizi pubblici e il degrado della salute psichica dei disoccupati di lunga durata.
Il capitalismo contemporaneo è stupido e cinico,ha completamente dimenticato le sue origini protestanti.Non ci si può aspettare nulla da lui:bisogna combatterlo,isolarlo e screditarlo.
L’avvento, a livello planetario, della tirannia del capitale finanziario,la monetarizzazione progressiva delle relazioni umane, la messa al bando dei valori dell’Illumunismo,hanno arrecato un danno irreperabile al concetto di stato nazionale repubblicano.
Come si possono costruire,dopo la morte dello stato democratico,nuovi meccanismi di controllo pubblico capace di porre un limite a un modo di produzione capitalista sempre piu devestante? Come si può trasformare la sua eccezionale forza in un fattore di civilizzazione,in un mezzo che consenta di creare un mondo piu giusto,piu libero, piu degno?
Tutte le agenzie dell’Onu che operano per lo sviluppo e per l’aiuto umanitario devono presentare un rapporto annuale sulla loro attività al Consiglio economico e sociale dell’Onu.La Banca mondiale e il FMI sono anch’essi istituzioni dell’ONU e,in linea di principio,sono sottoposti allo stesso tipo di controllo delle loro attività (solo il WTO non fa parte dell’ONU).
Se si guarda alla situazione attuale di centinaia di uomini,donne e bambini dell’emisfero sud,si può dire che i mercenari della Banca mondiale e del FMI distruggono quotidianamente ,e con mano potente,la maggior parte dei timidi e fragili progressi sociali realizzati grazie agli esperti delle agenzie umanitarie e per lo sviluppo.
La mano invisibile del mercato decide giorno dopo giorno chi può vivere e chi deve morire.I predatori trionfano e impongono la privatizzazione del mondo.Invece di combatterli a viso aperto, le Nazioni Unite tentano di addomesticarli,ma senza successo.

 

Il neoliberismo è il male incurabile del mondo (1 parte)ultima modifica: 2011-05-24T17:37:23+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo