ANGLOTEDESCO ESTATE.La satira 1986, Beppe Grillo e le battute sui socialisti (2 parte)

Che belli gli anni 80′, i migliori ,almeno per me nato nel 1976.Anche i comici erano molto piu “genuini”, adesso sono tutti politicizzati e lo stesso Beppe Grillo degli anni 80′ era strepitoso, ora fa il politico e di fronte al vero potere sta  zitto.
Nelle due parti che pubblicherò , ci sono anche una serie di battute di Beppe Grillo sui socialisti italiani durante la trasmissione “FANTASTICO” che scatenò (nel 1986) una valanga di polemiche sulla satira in televisione e si discuteva se doveva essere completamente libera o regolarla. Adesso le cose non sono cambiate,anzi, sono peggiorate.

da ENCICLOPEDIA RIZZOLI 1986- di Fulvia Serra

15 novembre 1986,durante la trasmissione,evidentemente in diretta, del programma FANTASTICO,orbene,quella sera a Beppe Grillo,il comico del momento, venne in mente di raccontare un aneddoto che qui trascrivo per la posterità:

“Ma ci capite voi, nella situazione politica di oggi? Abbiamo l’unico presidente del Consiglio al mondo che scade,come una mozzarella.Al 31 marzo,infatti Craxi l’abbiamo sempre visto vestito,nudo dietro c’ha scritto:da consumarsi preferibilmente entro il 31 marzo.E De Mita lo sa, eh De Mita,lo sa,e gli ha detto al 31 marzo:via… fino al 31 se vuoi puoi farti un viaggetto,portati qualche amico,ma mai, mai De Mita avrebbe sospettato che Craxi in Cina si portava un tre o quattromila persone. Ma l’avete visto cosa è successo?Han preso un Jumbo e come è atterrato in Cina,a Pechino da quel Jumbo è uscito di tutto.E’ uscito di tutto:pellicce di animali vivi,kashmere, cotome (era il cappotto della signora Andreotti,poverina) Ripa di Meana, cugini, parenti, paninari con le mogli.E per ultimo è sceso anche il sindaco di Venezia.Ora il sindaco di Venezia in Cina coi socialisti cosa ci va a fare?Per me niente,poveri noi.Era all’aereoporto con le valigie e voleva andare a Venezia da Roma, sono passati loro “Vieni anche te che è tutto pagato? ,” Ma no,devo andare…” “Vieni!”.E poi c’era il diario di bordo che come Andreotti ha visto il diario di bordo l’ha smentito tutto:” L’elenco? ha detto, io non c’ero nell’elenco dei passeggeri”. “Ma lei come è venuto in Cina? “A piedi”.E allora,hanno fatto la cena,questa non l’hanno pubblicata sui giornali.La cena in Cina: c’erano tutti i socialisti con la delegazione,mangiavano no? ,ad un certo momento Martelli ha fatto una delle figure piu terribili,ha chiamato Craxi e ha detto:”Ma dimmi un pò? Qua ce n’è un miliardo,e son tutti socialisti?
Craxi ha risposto:”si, perchè? Martelli: “Ma allora se son tutti socialisti a chi rubano? Terribile.Va bene io me ne vado, ha finito ,ci vediamo a FANTASTICO 18, sempre con Pippo.Ciao a tutti.Ciao”.

 

Dopo tanto “osare” la satira di Grillo ci sembra avesse l’unico difetto,che purtroppo è quasi una regola del nostro parlare,ovvero di avere generalizzato,e questo si sa è amore della battuta:ma la satira non sta in questo, secondo noi ma nell’effetto che tale “misfatto” ha provocato,ben piu risibile e piu divertente:autorità si sono riunite,hanno confabulato sul da farsi,hanno inviato dissociati,hanno fatto conferenze stampa,hanno convocato consigli,hanno interrogato,interrogato e interrogato finchè è arrivato il Grande Perdono e tutti insieme hanno tirato un sospiro di sollievo,mentre Grillo,ormai allontanato come pericolo e temuto come la peste non ha retto e ha detto piu o meno cosi: “Meno male,credevo che mi avrebbero querelato qualche miliardo di cinesi”.
Non contenti della celebrità ottenuta con questa grancassa di reazioni e azioni eccetera “Fantastico” ci ha riprovato la settimana dopo e sempre senza la nostra audience ha fatto scoppiare un caso politico degno di Reagan:il caso Khomeini.E la satira è balzata sui titoli di testa delle prime pagine dei quotidiani.Ma a questo punto tace il cronista per lasciare spazio al commento e una ridda di interrogativi urge in petto.E’ questa ormai piu satira? Ci troviamo di fronte a una svolta? E dietro l’angolo cosa ci aspetta?Si tratta di un rigurgito di satira o di un suo rush finale? E’ l’anno di “Tango” ,o l’anno di Beppe Grillo e Pippo Baudo? Che ne sarà di Satyricon ,che ha annunciato che tutti dovranno ballare con lui dal 7 dicembre del 1986?
Intanto,perchè non vengono fuori nuovi nomi a rinverdire la linfa,e questo non è un buon segno.Non  secondariamente perchè la si sta un pò troppo osservando,studiando,controllando,scoprendo finiremo col farla ammalare di qualcuna di quelle malattie che si manifestano con esibizionismi,personalismi ,antagonismi, protagonismi che non interessano nessuno tranne chi li fa.Insomma la satira è sempre un pupo fragile ma che va lasciato vivere in pace altrimenti gli vengono le eruzioni cutanee e diventa inviso e invisibile e si vergogna di sè.E’ il potere che deve essere controllato,curato,reso innocuo altrimenti di fronte alla satira che lo berteggia giustamente,gli viene uno sfogo di arroganza e si copre di pustole vendicative che facilmente attaccano le istituzioni e imbrattano ogni lato umano fino alla protervia piu perfezionata e difficile da sradicare.Non si accontentino quindi gli autori di satira di sentirsi richiedere l’originale di quanto di loro appare sui mezzi di comunicazione:è un brutto segno di assuefazione da potere e la prognosi non è di certo fausta.E’ segno che non si è colpito nel segno,ma solo nell’ambizione di apparire piu sfrenata e pericolosa ,quella che non si chiede mai perchè.Piu forza, satira! 

 
 

ANGLOTEDESCO ESTATE.La satira 1986, Beppe Grillo e le battute sui socialisti (2 parte)ultima modifica: 2011-08-20T22:08:46+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo