ANGLOTEDESCO ESTATE.Edgardo Sogno (1 parte)

Questo libro me l’ha regalato mio fratello durante l’estate e devo dire che non è male anche se la situazione che stiamo vivendo in questo momento, servono altri tipi di libri.
Nei pezzi che pubblico nei prossimi  tre post (dal 1 settembre tornerò alla nnormalità) si parla di Edgardo Sogno che passò dai partigiani rossi a quelli bianchi per impedire al comunismo di andare al potere.
In Italia tutti i governi che si susseguirono per 30 anni dopo la guerra avevano un debito di gratitudine nei confronti della C.I.A che continuò a pagare decine di milioni di dollari per far eleggere e sostenere i democristiani e i suoi alleati.

Il 27 giugno 2007, Milano gli intitola una strada.Alla cerimonia partecipano,sedute in prima fila,l’ex sindaco Letizia Moratti,le figlie Sofia e Laura Sogno,e il rappresentante del Comitato per le libertà Edgardo Sogno. Letizia Moratti disse quel giorno:
“E’ un onore rendere omaggio a un eroe della Resistenza che ha combattuto per liberare l’Italia dal regire e dalla dittatura nazifascista”.
Anche Silvio Berlusconi lo ricorda sempre volentieri…

da NERI- Mario Caprara e Gianluca Semprini (Saggistica contemporanea tascabili Newton)

UN SOGNO ANTICOMUNISTA

Nell’agosto del 1974,il ministro della Difesa,Giulio Andreotti, parla dell’esistenza di piu di un tentativo di colpo di Stato.Contemporaneamente Edgardo Sogno,partigiano e patriota appartenente alla nobile famiglia dei conti Rata del Vallino,figura centrale nell’apparato anticomunista messo in piedi dalla NATO in Europa,lancia un appello per un “colpo di Stato Liberale”.
Il golpe sarebbe dovuto scattare il 15 agosto,durante la chiusura delle fabbriche.Obiettivo:forzare l’intervento dei militari a favore di una repubblica presidenziale.Si è saputo in seguito che il progetto era appoggiato dagli Usa e dalla Loggia P2,a cui Sogno è iscritto.Negli elenchi di Gelli lo ritroviamo sotto la dicitura:”Sogno Edgardo,Torino,Pubblicista”.
Il 23 agosto 1974, la magistratura scopre il complotto,che prenderà il nome di “golpe bianco”,capitanato dall’ex partigiano.Con lui ci sono Randolfo Pacciardi e altri, fra i quali il braccio destro di Junio Valerio Borghese,Nino Buttazzoni,già comandante del battaglione Nuotatori-Paracadutisti della X MAS,uno dei primi ad arruolarsi nell’OSS americano e a convincere gli Alleati,subito dopo la guerra,della potenzialità anticomunista dei neofascisti.
Il 27 gennaio dell’anno dopo,il giudice Luciano Violante,decide di acquisire agli atti il carteggio del SID riguardante Edgardo Sogno.Il successivo 12 febbraio,il SID invia poche pagine di omissis,affermando tra l’altro che “le parti mancanti non potevano essere trasmesse,perchè si riferivano a materia connessa a specifica attività di controspionaggio”.
Perchè tutti quegli omissis?
Lo spiega il presidente del Consiglio,Aldo Moro,il 4 giugno 1975:

“I documenti non consegnati rientravano nella materia connessa e specifica attività di controspionaggio in relazione a dati formali soggettivi (nomi di personaggi stranieri e di agenti informari ed altri elementi analoghi) che dovevano essere mantenuti segreti a tutela di interessi politici e militari”.

Un anno dopo, esattamente il 5 maggio 1976,Violante emette un mandato di arresto contro Sogno e Cavallo.
Morto in Francia nel 2005,all’età di 85 anni,Luigi Cavallo è un personaggio discusso e controverso:nel 43′ partecipa alla lotta partigiana fondando,con altri militanti comunisti,la rete Stella rossa, uno dei primi gruppi di resistenza antinazisti in Piemonte.Lavora come giornalista a l’Unità ma,durante la querelle Tito-Stalin ,lascia il PCI e si trasferisce in America da dove viene espulso nel 52′ per essere finito nel mirino del maccartismo.Lo ritroviamo a Berlino a diffondere stampa clandestina nella Germania Est.Nel 1953 fonda con Sogno la rivista “Pace e libertà”.Si mette in proprio meno di un anno dopo.Crea una sua rivista ,L’Agenzia A” ,pubblica articoli e dossier scandalistici.Verrà processato e condannato nel 1975,a Torino,a 11 mesi per stampa clandestina e investigazioni senza licenza.Nel 1986 ,Cavallo si prende altri 3 anni e 2 mesi per aver tentato,insieme al finanziere Michele Sindona,un’estorsione ai danni del banchiere Roberto Calvi.Il giornalista è già in Francia.Il governo italiano ne chiede l’estradazione ,accordata, perchè sconti la pena per le indagini su Sindona nelle carceri di San Vittore e Bergamo.Tornerà oltralpe per risiedervi fino alla sua morte.Lascia un’ingente documentazione,frutto di 60 anni di attività giornalistica.

Ecco il testo del mandato di arresto spiccato contro Edgardo Sogno e Luigi Cavallo da luciano Violante nel maggio 1976:

“Imputati del delitto di cui all’art 305, 1 e 2 comma C.P ,in relazione agli art 302,276, 283, C.P per essersi associati con Borghesio Andrea, P. Randolfo ,Ricci Ugo,Drago Salvatore, Pecorella Salvatore, Pinto Lorenzo, Orlandini Remo, Nicastro Maria Antonietta, Pagnozzi Vincenzo e con altre persone non identificate al fine di mutare la Costituzione dello stato e la forma di governo con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale;in particolare mediante un’azione violenta progettata come “spietata e rapidissima” che non consentisse alcuna possibilità di reazione ,diretta a limitare la libertà personale del Presidente della Repubblica per costringerlo a sciogliere il Parlamento della Repubblica,e a nominare un governo provissorio,espresso dalle FFAA,composto da tecnici e militari, presieduto dal Pacciardi ad avente come programma immediato, tra l’altro ,lo scioglimento del Parlamento,l’instaurazione di un sindacato unico,l’istituzione di campi di concentramento,l’abolizione dell’immunità parlamentare con effetto retroattiva e la successiva costituzione di un tribunale straordinario per processare alte personalità politiche.
A tal fine il Sogno agendo per il reperimento di adeguati finanziamenti,per creare una rete di alleanze,complicità e connivenze negli ambienti delle alte gerarchie militari,dell’alta burocrazia e dell’industria,utilizzando anche la organizzazione dei c.d “Comitati di Resistenza Democratica” da lui creata al fine apparente di mobilitare,nell’ambito della legalità,alcuni ambienti di ex partigiani ma in realtà per acquisire consensi ed appoggi da utilizzare per il programma eversivo.
 

ANGLOTEDESCO ESTATE.Edgardo Sogno (1 parte)ultima modifica: 2011-08-30T19:03:27+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo