11 settembre 2001:LA “CADUTA LIBERA” DELL’EDIFICIO 7 (1 parte)


Sull’11 settembre c’è sempre stata da parte dei media un informazione molto limitata.I principali media d’informazione ,sia quelli controllati dalle corporate,sia quelli indipendenti,non hanno mai condotto delle inchieste sugli eventi.I miti della tradizione americana sono stati usati per esaltare il racconto ufficiale dell’11 settembre,unica versione nota ai fatti.La resistenza dei media ha evitato che si conducessero indagini adeguate,basate sui fatti,e si analizzassero a 360 gradi gli eventi dell’11/9.Ad esempio nessuno ha mai risposto alle famose 100 domande.Visto che parlo di edificio 7 del World Trade,pubblico le domande che normalmente si dovrebbero fare:

1)COM’E’ POSSIBILE CHE IL WTC 7 SI SCHIANTO’ AL SUOLO,SETTE ORE DOPO IL CROLLO DELLE TORRI,CON MODALITA’ PRESSOCHE’ ANALOGHE:CROLLO VERTICALE E RAPIDO COME UNA CADUTA NEL VUOTO?

2)E’ POSSIBILE CHE I FRAMMENTI DELLE TORRI CHE COLPIRONO IL WTC 7 ABBIANO PROVOCATO DANNI E INCENDI TACI DA CAUSARE UN CEDIMENTO STRUTTURALE?

3)COME SI SPIEGA LA PRESENZA ANCHE NELLA FONDAMENTA DELL’EDIFICIO 7 DI SACCHE DI ACCIAIO FUSO COME RISCONTRATO NEI CRATERI DELLE TORRI GEMELLE?

4)CHE COSA E’ AVVENUTO NEI CRATERI DI QUESTI TRE GRATTACIELI PER GENERARE TEMPERATURE COSI ELEVATE DA FONDERE L’ACCIAIO?

5)COME SI SPIEGA CHE FRA IL 6 E Il 10 SETTEMBRE 2001 VENNERO ACQUISTATE OPZIONI DI VENDITA (PUT OPTIONS) DELLA UNITED AIRLINES E DELL’AMERICAN AIRLINES CINQUE VOLTE SUPERIORI ALLA MEDIA?

6)CHI HA EFFETTUATO LE TRANSIZIONI LO HA FATTO PER CONTO DI CHI?

7)CHI HA EFFETTUATO LE TRANSIZIONI DA CHI HA RICEVUTO LA SOFFIATA DELL’IMMINENTE CROLLO IN BORSA COSI’ COME SI VERIFICO’ PER EFFETTO DEGLI ATTACCHI DELL’11 SETTEMBRE?

8) COM’E’ POSSIBILE CHE LA CIA CHE MONITORA IN TEMPO REALE I LISTINI BORSISTICI,NON FOSSE AL CORRENTE DI OPERAZIONI AZIONARIE CON SCAMBI DI PUT OPTION ABNORMI?

Perfino un parlamentare giapponese voleva che venisse fatta chiarezza.La testimonianza al parlamento giapponese,trasmessa in diretta dalla televisione di Stato nel gennaio del 2008,ha messo in dubbio le premesse e la validità della guerra globale al terrorismo.Il membro del parlamento Yukihisa Fujita ha insistito affinchè fosse condotta un’indagine sull’evento scatenante della guerra:gli attentati dell’11 settembre.
Il parlamento giapponese ha visionato varie diapositive del Pentagono e del WTC (World Trade center) mentre Fujita le faceva vedere.Le prove mostrate erano poco convincenti e secondo i giapponesi i danni dentro e intorno al Pentagono non erano compatibili con l’impatto di un aereo 757.

 

Be leggetevi quello che dicono in questo libro.Per me gli aerei che fanno crollare le torri sono invenzione degli americani, come nel Golfo del Tonchino. 

da IL LIBRO CHE NESSUN GOVERNO TI FAREBBE LEGGERE -Jesse Ventura (Newton Compton Editori) 

DEMOLIZIONE CONTROLLATA 

Il terzo grattacielo ridotto in macerie l’11 settembre fu l’edificio 7 del World Trade Center,di 47 piani, che cadde nel tardo pomeriggio.Secondo il Governo,la causa furono gli incendi scatenati dal crollo delle Torri gemelle.Ciò che,fin dall’inizio,mi chiedevo era:perchè prima di allora nessun incendio aveva distrutto un grattacielo fatto d’acciaio?
Il documento che state per leggere mi fa proprio pensare che l’edificio 7 sia stato demolito dall’interno con delle cariche esplosive.Il testo fa parte del rapporto finale del National Institute of Standards and Technology (l’istituto nazionale degli standard e delle tecnologie,NIST ,n.d.t),che ha esaminato quella caduta di 6 secondi e mezzo (a quanto pare,pochi decimi di secondo in piu del tempo che Oswald impiegò a sparare quei tre colpi a Kennedy).
E qui casca l’asino:l’edificio 7 è venuto giù cosi rapidamente che aveva in pratica la stessa velocità di un oggetto in caduta libera.Da anni lo ribadiscono la stessa velocità di un oggetto in caduta libera.Da anni lo ribadiscono i membri del 9/11 Truth Movement (movimento che lotta per sapere la verità sull’11 settembre ,n.d.t).Ma le loro teorie non si sposavano con la versione ufficiale,perchè una caduta libera può avvenire solo quando un oggetto non ha alcuna componente strutturale sotto di sè.E l’unico modo perchè ciò possa accadere a un edificio sarebbe la rimozione delle componenti strutturali inferiori per mezzo di una forza esterna,come degli esplosivi.In caso contrario,si va contro le leggi della fisica newtoniana.
Perciò,non sorprende che,quando nell’agosto 2008 fu resa pubblica la prima versione del rapporto che, quando nell’agosto 2008 fu resa pubblica la prima versione del rapporto NIST,nel documento si dichiarasse che i 17 piani superiori (gli unici visibili nel video utilizzato) a crollare ci avevano messo un tempo “superiore all’incirca del 40% rispetto a quello calcolato per una caduta libera e che tale situazione fosse in accordo con i principi della fisica”.C’era stata “una serie di cedimenti strutturali”dissero gli esperti del NIST.
Non credo si aspettassero che durante la conferenza un professore di fisica di liceo,David Chandler,facesse loro una domanda.Il professore disse che questo “40% in piu” era in contraddizione con un video reperibile su internet in cui si vedeva con chiarezza “per circa due secondi e mezzo” l’accellerazione dell’edificio indistinguibile da una caduta libera.
Il NIST,a quanto pare, prese sul serio il professore.Nel rapporto definitivo,pubblicato nel novembre 2008, ammise in maniera piuttosto sorprendente la caduta libera.Dopo aver distinto tre fasi nel crollo dell’edificio 7, il NIST definì la seconda “una caduta libera di circa otto piani con accellerazione pari a quella di gravità per circa 2,25 secondi”.
Dunque sembra che l’11 settembre sia avvenuto un miracolo.Come disse lo stesso professor Chandler:”La caduta libera può avere luogo solo se la resistenza al movimento è nulla”.E’ interessante il fatto che nel rapporto finale del NIST non si sostenesse piu che la sua analisi era in accordo con i principi della fisica.Ovviamente non veniva ammessa neanche la possibilità di un’opera di demolizione professionale.Ma si tratta dell’unico modo in cui il crollo sarebbe potuto avvenire.L’edificio 7 non è venuto giu perchè il calore degli incendi ha indebolito e fatto cadere l’acciaio.La caduta è stata favorita da qualche ordigno esplosivo che eliminò ogni resistennza.
Fate molta attenzione ai brani nel rapporto NIST che ho sottolineato.Il fatto che la televisione e la stampa mainstream possano ottenere un simile rapporto e che il giorno dopo non ci aprano il telegiornale o non lo sbattono in prima pagina vi dimostra quanto i mezzi di comunicazione privati siano tenuti sotto controllo.
Date anche un’occhiata al libro di David Rai Griffin,The Mysterious Collapse of World trade Center 7, e il sito Architects & Engineers for 9/11 Truth (architetti e ingegneri per la verita sull’11 settembre,n.d.t).Di seguito,alcuni estratti dal rapporto definitivo del nIST:nist NCSTAR 1-9:reazione strutturale all’incendio e probabile sequenza del crollo dell’edificio 7 del World Trade Center. 

11 settembre 2001:LA “CADUTA LIBERA” DELL’EDIFICIO 7 (1 parte)ultima modifica: 2011-10-17T19:39:40+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo