Anglotedesco (e grandi economisti) è contrario alle misure per il pareggio di bilancio

da www.corriere.it: Il pareggio di bilancio si farà, come previsto, nel 2013. Tanto che per centrare l’obiettivo, d’accordo con la Commissione e il Consiglio europeo, il governo guidato da Mario Monti si appresta a varare tra pochi giorni una nuova manovra correttiva dei conti pubblici, sul prossimo biennio, di 15 miliardi di euro.

Difficilmente qualcuno spiega in modo chiaro alla gente che non capisce un tubo, cosa significa veramente il pareggio di bilancio, cosa porteranno certe miswure e cosa andiamo in contro, tagli dappertutto.
Ho seguito con attenzione cosa dicono i migliori economisti del mondo e vi consiglio di leggere attentamente, sono i piu credibili e lasciate perdere i vari Prodi, Bersani, Ciampi e il loro quotidiano preferito ,LA REPUBBLICA:

Un emendamento sul pareggio di bilancio avrebbe effetti perversi in caso di recessione.Nei momenti di difficoltà diminuisce il gettito fiscale e aumentano alcune spese tra cui i sussidi di disoccupazione.Questi ammortizzatori sociali fanno aumentare il deficit,ma limitano la contrazione del reddito disponibile e del potere di acquisto.Chiedere ogni anno il bilancio in pareggio aggraverebbe le eventuali recessioni.
A differenza delle costituzioni di molti stati che consentono di ricorrere al credito per finanziare la spesa in conto capitale,il bilancio federale non prevede alcuna differenza tra investimenti e spesa corrente.Le aziende private e le famiglie ricorrono continuamente al credito per finanziare le loro spese.Un emendamento che introducesse il vincolo del pareggio di bilancio impedirebbe al governo federale di ricorrere al credito per finanziare il costo delle infrastrutture,dell’istruzione,della ricerca e sviluppo,della tutela dell’ambiente e di altri investimenti vitali per il futuro benessere della nazione.
Nessun altro paese importante ostacola la propria economia con il vincolo di pareggio di bilancio.Non c’è alcuna necessità di mettere al paese una camicia di forza economica.Lasciamo che il presidente e congresso adottino le politiche monetarie,economiche e di bilancio idonee a far fronte ai bisogni e alle priorità,cosi come saggiamente previsto dai nostri padri costituenti.
Nell’attuale fase dell’economia è pericoloso tentare di riportare il bilancio in pareggio troppo rapidamente.I grossi tagli di spesa e/o gli incrementi della pressione fiscale necessari per raggiungere questo scopo,danneggerebbero una ripresa già di per se debole.
 

Anglotedesco (e grandi economisti) è contrario alle misure per il pareggio di bilancioultima modifica: 2011-11-23T16:37:00+01:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo