GERMANIA:boom di Minijob a 400 euro al mese.Capito Landini?

 

minojob 400 euro al mese precari germania schoder maurizio landini

Sarebbe utile far leggere questo articolo al leader della Fiom ,Maurizio Landini, che piu volte ha ricordato come la Germania sia da prendere come esempio.Lo vada a dire a quei 2,7 milioni tedeschi che  lavorano quasi gratis, perchè in Germania 400 euro al mese vuol dire CARITAS.Signore in Romania,Ungheria, Polonia o Serbia, povero in Germania,Italia e in altri paesi sviluppati.
E poi le donne? In Italia si fanno manifestazione sulla disoccupazione o cattive condizioni di lavoro delle donne(da quando non c’è piu Berlusconi Premier non ne fanno piu), in Germania non sono da meno.
Non a caso negli ultimi anni,sopratutto nell’ex Germania dell’Est, molti tedeschi si sono trasferiti in Svizzera.

LA REPUBBLICA del 26 marzo 2012

In Germania non esiste un precariato all’italiana,ma il numero di contratti a termine è decisamente aumentato negli ultimi dieci anni,a seguito indirettamente delle riforme varate da Schroeder.
Sono aumentati anche i lavori part-time e i cosidetti minijob,cioè lavori per soli 400 euro mensili.Dal 1991 a oggi,le percentuali di nuovi contratti in vigore,la percentuale dei contratti a termine è salita al 7,6%,un record storico.Coinvolge circa 2,7 milioni di lavoratori,e in percentuale sono piu donne che uomini.La percentuale di contratti a termine è molto alta (67%) nelle amministrazioni,meno in industria come l’informatica (15%).Le altre due situazioni svantaggiate che si sono diffuse negli ultimi anni sono i minijob o il cosidetto Leiharbeit.I minijob,a bassa paga,con orari lunghi e scomodi,sono diffusi in settori a bassa qualifica come il commercio o i lavori pesanti.Il Leiharbeit si applica,invece al lavoratore che viene “affittato” da agenzie di collocamento per un periodo di tempo limitato.I sindacati chiedono con forza un limite a questa pratica.

GERMANIA:boom di Minijob a 400 euro al mese.Capito Landini?ultima modifica: 2012-03-26T16:31:03+02:00da anglotedesco
Reposta per primo quest’articolo